Categorie
Salute

Staminali: false promesse dalle banche private?

ROMA – Affidare il cordone ombelicale alle banche private per l’uso autologo e’ inutile – Affidare il cordone ombelicale alle banche private per l’uso autologo e’ inutile, perche’ le probabilita’ che vengano effettivamente utilizzate e’ estremamente bassa. Lo ribadiscono i massimi esperti mondiali riuniti a Roma per il World Cord Blood Congress.

“Le statistiche dicono che per ogni milione di cordoni conservati nelle banche private per l’uso autologo al massimo 4 saranno effettivamente necessari – ha spiegato Eliane Gluckman, la ricercatrice francese che ha eseguito il primo trapianto di sangue del cordone ombelicale al mondo nel 1988 – queste banche promettono trattamenti che in realta’ ancora non esistono, e non c’e’ controllo sulla qualita’ della conservazione. E’ molto meglio donare i cordoni per l’uso eterologo”. Secondo l’esperta attualmente solo le cure per le malattie del sangue che richiedono il trapianto di cellule del cordone sono validate e disponibili, mentre le possibilita’ di utilizzo per diabete, problemi cerebrali o per la medicina rigenerativa sono solo alle prime fasi della sperimentazione, e ancora lontane da applicazioni pratiche.

Il problema c’e’ anche in Italia, anche se da noi la situazione e’ fra le migliori al mondo: “In Italia c’e’ il 6% dell’inventario mondiale dei cordoni – ha sottolineato William Arcese dell’universita’ di Roma Tor Vergata, uno degli organizzatori – e anche dal punto di vista della ricerca siamo all’avanguardia. Certo, il problema va affrontato anche da noi, lo dimostra la sentenza dell’Antitrust sulle pubblicita’ ingannevoli delle banche private”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.