Categorie
Salute

Sesso: gli italiani sono i più disinformati d'Europa sulla contraccezione

Preservativi
Preservativi

Contraccettivi, questi sconosciuti. Almeno per gli italiani che, secondo uno studio della Società italiana di ostetricia e ginecologia, sono molto meno documentati degli altri cittadini europei sulla questione.

Per oltre 300.000 teen ager italiani, infatti, la principale se non unica fonte di informazione sulla sessualità è la tv che è ritenuta infatti il punto di riferimento da ben il 10%, la stessa percentuale di chi si rivolge a insegnanti, fratelli o sorelle.

Da qui l’allarme  della Società italiana di ginecologia e ostetricia, che per ovviare al problema vuole offrire corsi di formazione a vip e presentatori tv per far sì che comunichino tutto ciò che riguarda l’educazione sessuale ai giovani in modo corretto. “Nelle scuole l’educazione sessuale – spiega Giorgio Vittori, presidente della Sigo – non sempre viene insegnata, anche se il 64% degli studenti la chiede e il 44% vorrebbe più dialogo su questi temi a casa. In mancanza di punti di riferimento gli adolescenti si rivolgono ad internet, radio e tv. Per questo riteniamo indispensabile collaborare e formare i presentatori della tv, che tanta influenza hanno sui più giovani”.

La Sigo ha quindi predisposto un decalogo, da inviare a tutti i direttori di rete di Rai, Mediaset, La7 e Sky, con 10 regole per parlare di sesso, contraccezione e prevenzione ai giovani in modo corretto. Sono inoltre disponibili a organizzare dei corsi per formare vip e presentatori.

Nonostante si fregino del titolo di latin lover, insomma, gli italiani e in particolare i giovani, sono i più ignoranti in Europa per quanto riguarda la contraccezione. Ben il 27% degli under 19 non utilizza alcun anticoncenzionale, percentuale che sale al 35% tra le ragazze. Quello che cresce invece è l’uso della pillola del giorno dopo, cioè la contraccezione d’emergenza, che in un anno ha visto salire di 50mila unità il numero di confezioni vendute, arrivate a 370mila.

“C’è grande confusione e disinformazione su questi temi tra le adolescenti – spiega Giorgio Vittori, presidente della Sigo – che sanno molto poco su contraccezione, e in particolare quella d’emergenza, Ru486, prevenzione. E questa cattiva informazione si riflette anche sul fatto che cresce il numero di nascite nelle teenager sia italiane che straniere residenti nel nostro Paese. Ogni anno sono 10mila circa”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.