Categorie
Salute

Studio Usa denuncia i rischi dei siti internet pro-anoressia

Insegnano a dare di stomaco per eliminare il cibo mangiato, consigliano farmaci come lassativi e diuretici, esortano e ammirano chi è più capace di rifiutare il cibo, sono a portata di mano e sono molto pericolosi per la salute: sono i siti ‘pro-ana’ e secondo la prima indagine su vasta scala (180 siti pro-anoressia e bulimia visionati) quasi uno su quattro sono da bollare come molto pericolosi per i consigli estremi che danno.

Pubblicata sull’American Journal of Public Health, l’indagine é stata condotta da Rebecka Peebles della Johns Hopkins Bloomberg School of Public Health di Baltimora e lancia l’allarme su un fenomeno che, per quanto già noto e denunciato, continua a passare inosservato, mentre le giovani proseguono ad annullare il proprio corpo con diete pericolose.

Gli esperti hanno analizzato 180 di questi blog e siti e trovato una miniera di pericoli di facile accesso a chiunque si colleghi a internet: l’80% dei siti pro-ana è dotato di applicazioni interattive (come i contatori di calorie), l’85% pubblica foto che ispirano alla magrezza estrema (come immagini di modelle), l’83% dà consigli per dimagrire e su come impegnarsi nell’obiettivo di raggiungere prima 48, poi 45 chili e poi sempre più giù. Molti siti rifiutano anche in modo verbalmente violento commenti e accessi di chi vorrebbe invece dare consigli diversi dai folli suggerimenti per dimagrire.

Il 24% dei siti è bollato come molto pericoloso per gli utenti. Unica luce positiva, notano i ricercatori, gli autori di molti di questi blog spesso confessano di avere un disturbo e circa un terzo dei siti dà anche consigli per uscire dall’incubo dell’anoressia. Tutti però possono essere interpretati anche come una disperata richiesta di aiuto: “per molte pazienti internet diventa un modo per esprimere i propri sentimenti – concludono gli autori – invece di gestirli attraverso tradizionali modelli di cura come la psicoterapia”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.