Categorie
Salute

Obesità infantile, Serafini (Pd): "Michelle Obama da apprezzare"

Michelle Obama ha lanciato negli Stati Uniti «Let’s Move», una campagna contro l’obesità infantile; la senatrice Pd, Anna Serafini, esprime il proprio apprezzamento e spera che in Italia ci si possa muovere in modo altrettanto perentorio

Michelle Obama

«È da apprezzare la campagna “Let’s move” lanciata oggi da Michelle Obama contro l’obesità infantile che prevede la costituzione di una vera e propria task force che coordini le strutture federali e locali».

Lo afferma in una nota la senatrice Pd Anna Serafini, vicepresidente della commissione parlamentare per l’infanzia.

«Se negli Stati Uniti è allarme rosso in quanto un bambini su tre è obeso – spiega la sentrice – anche in Italia i dati sono preoccupanti. Secondo l’ultimo studio europeo finanziato dall’UE, i bambini italiani sono in Europa quelli con il maggior tasso di soprappeso e obesità (21%, contro il 14% della Danimarca e il 17,1 % della Polonia). Occorre far presto per affrontare in maniera sistematica quella che potrà presto diventare una vera e propria emergenza nazionale».

«È necessario – sostiene Anna Serafini – mettere a sistema un Piano nazionale di azione per la prevenzione e la cura dell’obesità infantile, di lunga prospettiva; individuare delle misure nei settori più pertinenti: il sistema educativo e della formazione, la ricerca e lo sviluppo, la fabbricazione e la distribuzione dei prodotti alimentari, il sistema sanitario e la regolamentazione dei media. Non interventi isolati, quindi ma un vero e proprio Piano nazionale d’azione, a tutela della salute dell’infanzia e dell’adolescenza del nostro Paese».

«Su questi punti – conclude la senatrice Serafini – abbiamo presentato nei giorni scorsi al Senato come PD una mozione che è stata approvata all’unanimità insieme a quella di altri gruppi parlamentari. Si muova quindi il governo italiano: può contare su un pronunciamento forte e condiviso del Parlamento».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.