Mutilazioni genitali femminili. Che qualcuno fermi questo scempio

Mutilazioni genitali femminili. Che qualcuno fermi questo scempio

”A seguito della Giornata Mondiale contro le Mutilazioni genitali femminili e a cinque anni dall’entrata in vigore della Legge italiana ci rendiamo sempre piu’ conto che la battaglia e’ lunga e difficile, ma che diritto e prevenzione possono sicuramente vincerla”. Lo afferma il deputato del Fli Giuseppe Consolo che e’ padre della legge per la prevenzione e la lotta a questa pratica sul corpo delle bambine.

”L’impegno del governo e del Parlamento continua senza sosta e in attesa dell’ approvazione della proposta avanzata all’Onu dalla delegazione italiana per una Risoluzione di condanna, registriamo – riferisce Consolo – la proposta del prof. Morrone per l’istituzione di un ‘benefit’ alle donne che rifiutino ufficialmente, per se’ e per le proprie figlie, la pratica della mutilazione genitale”. ”E’ umano e normale – dichiara Consolo – che per debellare una pratica che non nasce da prescrizioni religiose, ma si alimenta di leggi sociali non scritte e consuetudini culturali, un incentivo anche materiale puo’ aiutare queste sfortunate donne a prendere finalmente decisioni di dignita’ e salute”.

Potrebbero interessarti anche...