Morta a Napoli la sesta vittima dell’influenza A in Italia

Morta a Napoli la sesta vittima dell’influenza A in Italia

Sesta vittima dell’influenza A in Italia: si tratta di una donna di 49 anni con patologie pregresse, morta a Napoli. E’ il primo decesso in Campania per il virus, dopo quelli registrati nei giorni scorsi in Veneto (due vittime), Puglia, Lombardia ed Emilia Romagna.

E oggi si registrano due ricoveri in gravi condizioni all’ospedale Molinette di Torino, mentre due pazienti che si sospetta contagiati dal virus dell’influenza A sono stati ricoverati in terapia intensiva al Policlinico di Modena. Si tratta di un bambino di nove anni e di una donna, nessuno in pericolo di vita. La 49/enne avrebbe contratto il virus la scorsa settimana, durante una crociera nel Mediterraneo. Prima ancora di approdare a Napoli, lo scorso 6 gennaio, ha iniziato a lamentare i primi sintomi: febbre alta, crisi respiratoria. Il ricovero è scattato quattro giorni dopo, all’ospedale Cardarelli.

Le condizioni della donna, però, si sono ulteriormente aggravate: da qui il trasferimento nel reparto di rianimazione del Secondo Policlinico dove è morta. La paziente aveva anche altre patologie: era obesa, diabetica e ipertesa. Le era stata diagnosticata una bronchite cronico-ostruttiva, e non si era vaccinata contro l’influenza tradizionale. Sale quindi a sei il numero dei morti di influenza A di quest’anno in Italia, tutti con patologie preesistenti.

La notizia della prima vittima e’ dell’8 gennaio scorso: un paziente 65enne, malato di leucemia, morto all’ospedale di Vicenza. Si trattava di un paziente a rischio perche’ immunodepresso. Il 10 gennaio la seconda vittima, un uomo di 51 anni che risiedeva in provincia di Bari che e’ deceduto in una struttura sanitaria della provincia di Foggia. La terza vittima e’ invece una donna di 41 anni, con gravi patologie croniche (diabete e insufficienza mentale) risultata positiva al tampone dell’influenza H1N1, deceduta all’ospedale di Conegliano Veneto (Treviso).

Di giovedi’ scorso e’ la notizia del quarto decesso, in Lombardia, di un paziente che ”aveva pluripatologie”, mentre la quinta vittima e’ un uomo di 70 anni deceduto all’ospedale Morgagni- Pierantoni di Forli’. L’anziano, che soffriva gia’ di importanti patologie croniche cardio-respiratorie, era stato ricoverato nei giorni scorsi in condizioni critiche ed era risultato positivo al virus influenzale.

E’ di oggi la notizia di due donne, colpite dal virus dell’influenza H1N1, ricoverate in gravissime condizioni nell’ospedale Molinette di Torino. Sono in pericolo di vita e sopravvivono grazie alle macchine, anche se i medici sperano di riuscire a salvarle. Filomena C. di 62 anni, residente in Puglia (la piu’ grave), e Carmela B. di 50 anni, residente in Piemonte, sono arrivate nel nosocomio torinese rispettivamente il 13 gennaio e ieri, dopo che le loro condizioni si sono aggravate.

Il picco dell’influenza, secondo l’epidemiologo Giovanni Rezza dell’Istituto Superiore di Sanita’, e’ atteso a cavallo di gennaio e febbraio. Complessivamente, per i medici di famiglia e i virologi, l’influenza (non solo l’H1N1 ma tutti i ceppi) si stima colpira’ da tre milioni e mezzo fino a 5 milioni di italiani.

Potrebbero interessarti anche...