50 minuti al cellulare alterano l’attività del cervello

50 minuti al cellulare alterano l’attività del cervello

Le telefonate lunghe col cellulare modificano l’attivita’ del cervello nelle zone limitrofe alla posizione dell’antenna del telefono ma non e’ chiaro se questo cambiamento di attivita’ abbia dei significati dal punto di vista della salute. E’ quanto dimostra uno studio di Nora Volkow del National Institutes of Health di Bethesda: una telefonata lunga 50 minuti cambia il livello di attivazione di certe aree neurali in corrispondenza dell’antenna del telefono, come e’ riscontrabile misurando il metabolismo dello zucchero in quelle aree.

Lo studio e’ stato pubblicato sulla rivista dell’Associazione Nazionale dei Medici Americani ‘JAMA’. La possibilita’ che i telefonini facciano male alla salute e aumentino il rischio di cancro al cervello e’ oggetto di indagine ormai da molti anni e vari studi hanno smentito o avvalorato a piu’ riprese tale ipotesi. Lo studio Usa e’ stato teso, invece, non a vedere gli effetti clinici del cellulare ma piuttosto gli effetti sul cervello in se’. Gli esperti hanno chiesto a 47 volontari di tenere per 50 minuti un cellulare acceso (ma senza suono) su un orecchio e uno spento sull’altro (il test e’ stato ripetuto due volte invertendo l’orecchio su cui era poggiato il telefonino acceso); poi hanno misurato con la PET (tomografia) il metabolismo del cervello.

Piu’ precisamente gli esperti hanno usato come indicatore dell’attivita’ cerebrale il metabolismo dello zucchero (glucosio); piu’ glucosio viene consumato piu’ il cervello e’ attivo. E’ emerso che nella corteccia orbitofrontale e temporale sul lato del cervello su cui era poggiato il cellulare acceso e’ aumentato in misura significativa (circa del 7%) il metabolismo dello zucchero. Servono pero’ nuovi studi, concludono i ricercatori, per capire i potenziali effetti a lungo termine per la salute di queste alterazioni.

Potrebbero interessarti anche...