Categorie
Salute

Inghilterra: lettini solari proibiti ai minorenni

L’obiettivo è quello di limitare l’uso tra i giovanissimi dei lettini solari che causerebbero almeno 100 morti l’anno, con 370 casi accertati di tumore maligno alla pelle.

In Inghilterra niente lettini solari per gli under 18. Il progetto di legge presentato dal deputato laburista Julie Morgan ha ottenuto l’appoggio del governo inglese e il Ministro della Salute, Andy Burnham, spera che possa essere convertito in legge dal Parlamento in tempi brevi.

L’obiettivo è quello di limitare l’uso tra i giovanissimi dei lettini solari che, secondo un recente rapporto del “Committee on Medical Aspects of Radiation in the Environment”, causerebbero almeno 100 morti l’anno, con 370 casi accertati di tumore maligno alla pelle.

«Siamo felici che il governo appoggi il progetto di legge – ha spiegato alla stampa Sarah Woolnough, responsabile del “Cancer Research Uk” – ma fino a quando non vedi il progetto definitivo è difficile capire che cosa stanno appoggiando. Sappiamo bene che le offerte a prezzi stracciati di molti solarium dove non c’è nemmeno il personale, quindi nessuno può controllare chi entra, basta un gettone per fare un lettino, rappresentano un’attrazione irresistibile per i giovanissimi e siamo consapevoli che se non cambierà qualcosa, i nostri ragazzi continueranno a mettere a repentaglio la loro salute. Del resto, le ricerche hanno dimostrato che usare i lettini solari al di sotto dei 35 anni aumenta il rischio di tumore alla pelle del 75%».

«L’evidenza scientifica è chiara – ha detto il ministro Burnham al giornale londinese The Independent – i lettini solari aumentano il rischio di cancro alla pelle e, adesso come adesso, è troppo semplice per i ragazzi utilizzarli. Ecco perché sono fermamente intenzionato a prendere misure drastiche e sosterrò pienamente il progetto di legge che obbligherà i solarium a bandire l’ingresso agli under 18».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.