L’influenza in arrivo costringerà a letto milioni di italiani. Presto la corsa ai vaccini

L’influenza in arrivo costringerà a letto milioni di italiani. Presto la corsa ai vaccini

I virus dell’influenza per la stagione 2010-11 non sono ancora stati isolati ma il loro arrivo e’ atteso a breve: l’influenza quest’anno, affermano gli esperti, potrebbe infatti anticipare i tempi e, dunque, e’ bene vaccinarsi da subito. Ed intanto e’ ai nastri di partenza anche la rete di sorveglianza dei medici-sentinella coordinata dall’Istituto superiore di sanita’ (Iss). Quest’anno, spiega il virologo dell’Universita’ di Milano Fabrizio Pregliasco, “i virus influenzali potrebbero arrivare in anticipo: tra questi figura infatti anche il virus H1N1 che, sebbene ‘declassato’ da virus pandemico a stagionale, mantiene la sua alta diffusività e, dunque, potrebbe innescare un arrivo anticipato dell’influenza stagionale”. I virus influenzali, ad ogni modo, conferma l’esperto, non sono ancora stati isolati ma è presumibile una loro comparsa entro qualche settimana. Nel frattempo però, sottolinea il virologo, “sono in aumento le sindromi parainfluenzali, la cui diffusione è facilitata dagli sbalzi termici registrati in questi ultimi giorni”. Si tratta di forme che possono portare anche complicanze a livello bronchiale e che al momento, ha detto Pregliasco, “stanno colpendo circa 70-80mila italiani ogni settimana”. Dall’esperto giunge quindi l’invito, per le categorie indicate, a vaccinarsi da subito contro l’influenza: ”Il vaccino e’ disponibile ed e’ opportuno, visto che i virus influenzali potrebbero arrivare in anticipo, vaccinarsi presto”. Intanto, partira’ questa settimana la sorveglianza sul territorio delle rete Influnet, come conferma Stefania Salmaso, direttore del Centro nazionale di epidemiologia, sorveglianza e promozione salute dell’Iss. Influnet e’ la rete di sorveglianza della sindrome influenzale, coordinata dal Ministero della Salute e che si avvale della collaborazione dell’Iss, del Centro Interuniversitario per la Ricerca sull’Influenza (CIRI), dei medici di medicina generale e pediatri di libera scelta, dei laboratori di riferimento per l’influenza e degli Assessorati regionali alla Sanità. L’obiettivo è descrivere i casi di influenza, stimare l’incidenza settimanale della sindrome influenzale durante la stagione invernale, in modo da valutare durata e intensità dell’epidemia. Quest’anno i medici-sentinella impegnati nella sorveglianza saranno circa un migliaio.

Potrebbero interessarti anche...