Il pericolo di essere obesi aumenta se non si mangia frutta

Il pericolo di essere obesi aumenta se  non si mangia frutta

Il 46% degli italiani adulti è in sovrappeso o obeso pe – Il 46% degli italiani adulti è in sovrappeso o obeso, percentuale aumentata del 10% negli ultimi venti anni anche per colpa del calo dei consumi di frutta e verdura, base della dieta mediterranea. E’ quanto afferma la Coldiretti in occasione dell’Obesity day, nel sottolineare che gli acquisti di frutta e verdura delle famiglie sono passati da 450 a 350 chili l’anno negli ultimi dieci anni e che le malattie collegate direttamente all’obesità sono responsabili del 7% dei costi sanitari dell’Ue. L’aumento di peso, infatti, è un importante fattore di rischio per molte malattie come i problemi cardiocircolatori, il diabete, l’ipertensione, l’infarto e certi tipi di cancro. Non va meglio tra i bambini, dove il 34% tra gli 8 e 9 i anni è lontano dal peso forma: oltre 1 milione è in sovrappeso (22,1% del totale) e 400 mila (11,1%) sono obesi, secondo un monitoraggio realizzato dal Centro nazionale di epidemiologia, sorveglianza e promozione della salute dell’Istituto Superiore di Sanita’. Secondo la Coldiretti occorre quindi, invertire la tendenza, promuovendo il consumo di frutta e verdura a casa, nelle scuole e nelle mense anche con l’aiuto dei nuovi distributori automatici snack, dove è possibile acquistare frutta fresca, disidratata o spremute senza aggiunte di zuccheri o grassi come alimento rompi-digiuno per una merenda sana alternativa al ‘cibo spazzatura’.

Potrebbero interessarti anche...