Categorie
Salute

Francia: allarme pesticidi nei piatti dei bambini

Il piatto-tipo di un bambino di 10 anni e’ pieno di pesticidi e di sostanze chimiche anche cancerogene. E’ la conclusione allarmante di uno studio condotto in Francia dall’associazione ‘Generations Futures’, che ha passato al setaccio i pasti consumati ogni giorno dai bambini francesi, sulla base dei consigli alimentari del ministero della Salute. Ecco i risultati: in un giorno solo vengono ingerite 81 sostanze chimiche, a partire dalla prima colazione e fino alla cena. Almeno 42 di queste – rivela lo studio – sono considerate ”probabilmente” cancerogene, mentre 5 lo sono in modo certo. Sono 37 inoltre le sostanze che possono provocare danni alle funzioni endocrine. Per giungere a queste conclusioni l’associazione, ha analizzato i prodotti consumati in un menu’ ”tipo” di un bambino di 10 anni, acquistati nei supermercati di Parigi e dell’Oise, dipartimento del nord, tra luglio e settembre scorsi. Questo anche sulla base delle raccomandazioni ministeriali di consumare ogni giorno cinque frutti e verdure fresche, tre latticini e un litro e mezzo di acqua. L’analisi e’ stata estesa anche ad alcuni dolciumi e merendine. L’ingestione di sostanze nocive comincia sin dalla prima colazione: secondo lo studio, il burro ed il te’ al latte contengono piu’ di una decina di residui cancerogeni possibili e tre certi, oltre ad una ventina di sostanze che possono turbare il sistema ormonale. La mela importata dal Brasile, per la merenda, presenta tracce di sei sostanze chimiche, di cui una fungicida vietato in Francia. Stessa cosa per i fagiolini del Kenia, su cui lo studio ha registrato la presenza di pesticidi potenti, vietati nell’Unione europea. Altri pesticidi e sostanze chimiche sono state trovate negli hamburger, nel salmone, nel tonno in scatola, nei chewing gum e persino nella baguette.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.