Salute

Il dimagrimento veloce fa male. No all’effetto yo-yo.

Un nuovo studio internazionale condotto su 1.100 partecipanti negli Stati Uniti, suggerisce che dimagrire fortemente potrebbe portare all’ aumento dei rischi di una serie di malattie.

La ricerca realizzata negli Usa da esperti della universita’ di Daegu nella Corea del Sud ha osservato nel sangue dei volontari che avevano perso la quantita’ piu’ forte di peso nei 10 anni precedenti ai test, la presenza piu’ elevata di ”sostanze tossiche inquinanti” (in termini tecnici:’POP-persistent organic pollutant’) rispetto a chi aveva mantenuto un peso stabile.

”Questi composti – spiega il rapporto – sono stati legati ad un aumento dei rischi di patologie quali il diabete del II tipo, malattie cardiovascolari, artrite reumatoide, ecc”. L’ipotesi degli scienziati e’ che queste sostanze siano presenti nell’organismo e vengano normalmente immagazzinate nei tessuti grassi, ma quando le persone dimagriscono intensamente le ‘POP’ vengano rilasciate nel flusso sanguigno.

Lo studio pubblicato sulla rivista ‘International Journal of Obesity’, ha calcolato eta’, salute generale, razza e sesso dei partecipanti, ma l’unico fattore che spiega la differente concentrazione delle ‘sostanze tossiche inquinanti’ nel sangue dei volontari e’ risultato il dimagrimento

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.