Depressione, ansia e fobia sociale: queste le conseguenze tra i giovani della dipendenza da videogame

Depressione, ansia e fobia sociale: queste le conseguenze tra i giovani della dipendenza da videogame

Per i giovanissimi sempre piu’ videogame-dipendenti il rischio e’ di soffrire di depressione, ansia e fobia sociale, oltre che di andare male a scuola. E’ quanto afferma Douglas Gentile della Iowa State University, che insieme a cinque ricercatori di Singapore e Hong Kong ha monitorato per due anni lo stato di salute di 3.034 ragazzini, trovando che dal 7,9 al 9,9 di loro (in linea con le stime di altri paesi) sono giocatori patologici.

I risultati del lavoro sono stati pubblicati sulla rivista Pediatrics, il giornale della American Academy of Pediatrics. Gli esperti hanno usato la ‘Bibbia degli psichiatri’, ovvero l’American Psychiatric Association’s Diagnostic and Statistical Manual of Mental Disorders, per stabilire quanti ragazzini nel campione avessero i connotati del giocatore patologico e monitorato il loro stato di salute psichica per due anni. E’ emerso che i ragazzini restano incollati ai videogame mediamente per 20 ore a settimana, e che quelli dipendenti sono piu’ inclini a sviluppare depressione, ansia e fobia sociale.

Secondo Gentile questi disturbi sono una diretta conseguenza della dipendenza da videogiochi e non una caratteristica insita nel giocatore patologico. La dipendenza da videogiochi, afferma Gentile, somiglia molto ad altre forme di dipendenza anche nelle conseguenze. Depressione e ansia non sono sintomi coesistenti con la dipendenza, ribadisce infine Gentile, ma conseguenze di essa e il problema aumenta al crescere del grado di dipendenza.

Potrebbero interessarti anche...