Danimarca secondo una ricerca gli uomini che hanno sposato donne di circa 15 anni di meno vivono di più

Danimarca secondo una ricerca gli uomini che hanno sposato donne di circa 15 anni di meno vivono di più
112247_CAMW120_AP

Hugh Hefner patron di Play Boy. Malgrado i suoi 80 anni al suo fianco sempre ragazze ventenni

Sono molto comuni le immagini di uomini di una certa età che si accompagnano a giovani e bellissime donne. Escludendo quelle che lo fanno per apparire o per soldi, prendiamo in considerazione soltanto coloro che si legano ad un uomo più grande solo per amore. Secondo una ricerca danese del Max Planck Institute for Demographic Research, per gli uomini questa è un’ottima scelta, per le donne un po’ meno.

Raccogliendo i dati dei decessi tra il 1990 ed il 2005 avvenuti in Danimarca, il professor Sven Drefahl ha cercato di capire se l’età del coniuge potesse influenzare in qualche modo la longevità del defunto. E i dati sono stati piuttosto sorprendenti. Gli uomini che avevano sposato donne più giovani di 7-9 anni vivevano mediamente l’11% in più rispetto agli altri, mentre quelli che sposavano una donna molto più giovane, circa 15-17 anni in meno, vivevano il 20% in più.

Questo, secondo il prof. Drefahl, è dovuto al fatto che le donne più giovani sono anche più in forma, e quindi sono maggiormente in grado di prendersi cura di un uomo anziano, almeno più di un’altra donna della stessa età. Inoltre il fatto che una ragazza stia con un uomo più vecchio potrebbe non essere una causa, ma la conseguenza del fatto che magari un sessantenne in forma, molto spesso è anche realizzato ed affascinante, ed è una questione naturale che attragga qualche donna più giovane. Difficilmente infatti una ragazza finisce con lo sposare un anziano morente, a meno che non lo faccia per questioni diverse dall’amore disinteressato. Ma per le donne invece ci sono conseguenze?

Pare proprio di sì. Sposare un uomo più anziano per le donne non è una buona scommessa. Secondo gli stessi dati, pare infatti che le donne che vivano di più sono quelle che hanno sposato un uomo coetaneo, o comunque con poca differenza d’età. Ritornando alle stesse fasce d’età, vediamo come le donne che sposano un uomo con 7-9 anni in più, ma anche in meno, muoiono prematuramente nel 20% dei casi, che salgono al 30% quando si toccano i 15-17 anni di differenza.

La spiegazione di questo fenomeno è assolutamente inversa, e si basa sul fatto che le donne avendo mediamente più rapporti sociali rispetto agli uomini, sono meno dipendenti dai loro mariti di quanto essi non lo siano verso la loro moglie. Ciò significa che avere un marito di molto più vecchio o di molto più giovane non giova affatto alla salute della donna, ma anzi questo può risultare un ostacolo.

Potrebbero interessarti anche...