Categorie
Salute

Spesso i medici hanno carenza di comunicazione nei confronti del paziente….Più empatia sarebbe indicata…

In occasione della presentazione della nuova sede della fondazione che porta il suo nome, l’oncologo ed ex Ministro della Salute Umberto Veronesi ha rilasciato dichiarazioni forti in materia di tumori.
 
Secondo l’ex Ministro due sono i limiti della classe degli oncologi: la cattiva capacità dei singoli medici di comunicare coi pazienti e la diffidenza nei confronti della morfina.
 
Oggi i medici non sono preparati a comunicare con i pazienti, soprattutto quando si tratta di informarli che hanno un tumore: “Nessuno insegna loro come devono comportarsi con i malati, né al momento della diagnosi né durante la cura” afferma Veronesi, e questa impreparazione ha notevoli ripercussioni sull’emotività del paziente.
 
La morfina invece viene usata pochissimo, perché ancora al centro di numerosi pregiudizi: “Da parte dei medici c’è una grande paura culturale che la morfina possa dare assuefazione”, causata dall’utilizzo che si fa di questa sostanza come stupefacente.
 
Bisogna tener presente però, prosegue Veronesi, che se i preparati a base di morfina “Vengono utilizzati come farmaci (e non come droghe, ndr) questo rischio non esiste”. Bisogna invece considerare che la morfina “È la soluzione più semplice, innocua ed efficace per i malati cronici terminali”.
 
Per questo, durante l’incarico ministeriale, Veronesi era intervenuto sulla liberalizzazione di questi farmaci, rendendone più facile la prescrizione.”

Fino ad allora la morfina non si poteva avere se non in casi eccezionali, ma ho ritenuto importante che si potesse prescrivere questo potente antidolorifico che, oltre al dolore, nei pazienti terminali toglie la sofferenza legata alla paura di morire, aiuta a superare l’incapacità di adattarsi alla loro condizione. Malauguratamente, poiché questa sostanza è utilizzata da alcuni come stupefacente, è stata sabotata dal punto di vista della distribuzione nelle farmacie, ma anche dai medici” conclude l’ex Ministro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.