SALUTE: IN UE CARNE ESOTICA ILLEGALE ATTRAVERSO LO SCALO PARIGINO DI CHARLES DE GAULLE

SALUTE: IN UE CARNE ESOTICA ILLEGALE ATTRAVERSO LO SCALO PARIGINO DI CHARLES DE GAULLE

Ogni anno almeno 270 tonnellate di carne di animali selvatici vengono importate clandestinamente in Europa attraverso uno degli aeroporti più trafficati del continente, il Charles De Gaulle di Parigi.

La cifra si basa su una stima fatta da un gruppo di ricercatori provenienti da Francia, Cambogia e Regno Unito in seguito ai sequestri effettuati per 17 giorni presso l’aeroporto francese.

I risultati di quello che il team di scienziati definisce il “primo studio sistematico delle dimensioni e della natura di questo commercio internazionale”, sono apparsi sulla rivista Conservation Letters.

I ricercatori si sono detti sorpresi dall’entità dei sequestri, che secondo loro dà le dimensioni di un commercio illecito che potrebbe rappresentare un rischio per la salute umana e animale o di aumentare la domanda di carni di specie minacciate.

“Stimiamo – sostengono – che ogni settimana passino circa cinque tonnellate di carne di animali selvatici di contrabbando nel bagaglio personale attraverso l’aeroporto Parigi Roissy-Charles de Gaulle, per un totale di 273 l’anno”.

Durante i 17 giorni dello studio, sono stati perquisiti 134 passeggeri provenienti su 29 voli da 14 Paesi africani. Nove persone sono state trovate in possesso di carne di animali selvatici, per una massa complessiva di 188 kg.

Nascoste nei bagagli sono stati trovate carni di 11 specie di animali, tra cui due tipi di primati, due tipi di coccodrilli e tre specie di roditori. E quattro erano specie protette.

“Si tratta di un commercio molto lucroso”, ha detto alla BBC Marcus Rowcliffe dalla Società Zoologica di Londra (ZSL), co-autore dello studio, spiegando che quattro chilogrammi di carne di scimmia può arrivare a costare 100 euro in Europa contro i 4 euro in Camerun.

“Le multe per l’importazione di carne di animali selvatici sono basse e raramente vengono comminate, mentre i ricavi per questo di commercio sono potenzialmente molto alti”. Per questo il gruppo di ricercatori, che condurrà presto nuove ricerche su scala maggiore, ha suggerito l’inasprimento delle sanzioni per l’importazione illegale di questo tipo di carni e la realizzazione di campagne informative.

Potrebbero interessarti anche...