Categorie
Salute

Medicina, un braccio-robot e una maglietta interattiva per aiutare gli anziani

“Braccio di Ferro”, un nuovo robot-terapista in grado di assistere pazienti colpiti da ictus e patologie neuromotorie per recuperare le funzioni degli arti superiori, e “MagIC”, una Maglietta Interattiva Computerizzata per il monitoraggio dei parametri vitali, sono tra i primi progetti che i soci del Consorzio SI4Life hanno sviluppato a supporto della qualità della vita dell’anziano a casa e della sua riabilitazione.

Su questi e altri progetti, nel prossimo autunno, saranno avviate sperimentazioni in Liguria, presso i centri di riabilitazione della Fondazione Don Gnocchi e dell’Istituto David Chiossone, concretizzando la rete tra ricercatori, produttori e utilizzatori finali. Si aprono nuove frontiere, come strumenti della telemedicina e della teleassistenza per la riabilitazione supportata dalle tecnologie.

Su questi temi il Consorzio SI4Life sta lavorando per studiare nuovi protocolli riabilitativi, soprattutto per gli anziani, e portare questi prodotti dal laboratorio di scienza al cittadino nell’uso comune.

Il robot-terapista Braccio di Ferro, frutto di una collaborazione tra Fondazione Don Gnocchi, Università di Genova e Istituto Italiano di Tecnologia (Iit), è stato sviluppato dalla Celin, nuovo socio di SI4Life.

Il braccio robotico potrà aiutare i pazienti nella riabilitazione degli arti superiori attraverso esercizi assistiti, in sinergia con il terapista umano.

MagIC è invece una maglietta intelligente, che attraverso sensori consente il monitoraggio di parametri vitali quali elettrocardiogramma, respiro, movimento e postura. I segnali vengono trasmessi ad un modulo elettronico portatile, sono memorizzati su una memory card e possono essere inviati ad un calcolatore esterno, al medico curante o al proprio cardiologo attraverso collegamento wireless Bluetooth.

Progettato dal Polo Tecnologico della Fondazione Don Carlo Gnocchi, questo strumento innovativo può trovare utilissime applicazioni cliniche, per la riabilitazione, la telemedicina e la ricerca biomedicale, ma anche in altri ambiti, quali ad esempio medicina del lavoro, sport, sicurezza sul lavoro, aeronautica (è stato sperimentato sui piloti dell’aeronautica per rilevare i parametri vitali durante particolari manovre di volo).

L’anno scorso 30 magliette sono state utilizzate da un’equipe composta da medici e ricercatori sul Monte Everest per 40 giorni, nell’ambito della spedizione High-Care; in questi giorni la stessa squadra e’ partita per ulteriori sperimentazioni sul Monte Rosa al rifugio Margherita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.