Salute

Dalla Francia l’allarme sulle diete dimagranti. Nuocerebbero gravemente alla salute

A fare la dieta, qualunque essa sia, ci si rimette in salute: a lanciare l’allarme oggi sono esperti nutrizionisti francesi che hanno passato al setaccio una quindicina dei regimi alimentari fra piu’ seguiti e sono giunti ad un giudizio senza appello. Rischi reali sono legati all’eccesso di proteine o di lipidi, o alla carenza di vitamine e fibre. E nel 95% dei casi si riprende peso subito dopo. E’ quanto emerge da uno studio dell’Agenzia di sicurezza sanitaria alimentazione, ambiente e lavoro (Anses) che oggi ha pubblicato il rapporto ”Valutazione dei rischi legati alle pratiche alimentari dimagranti”, dove denuncia i rischi sulla salute legati agli squilibri nutrizionali dovuti a digiuni rigorosi o carenze di certi alimenti. Tutte le diete sono messe sotto accusa, anche quelle piu’ diffuse e giudicate efficaci come la Atkins, la Dukan, la Montignac, la californiana, o ancora la Weight Watchers. Secondo l’Anses in oltre l’80% delle diete esaminate l’assunzione di proteine e’ superiore all’apporto consigliato, fino agli eccessi del noto regime proteinato Dukan, molto in voga in Francia. Altre comportano un eccesso di lipidi. In tre diete su quattro l’apporto di fibre e’ invece inferiore al fabbisogno. Deboli sono spesso gli apporti in calcio, vitamine C e D, e in ferro, soprattutto per le donne. Gli effetti sono piu’ o meno gravi sulla salute. Intanto, dicono gli esperti dell’Anses, nella grande maggioranza dei casi, anche chi non aveva grossi problemi di sovrappeso, rischia non solo di riprendere i chili persi (talvolta di piu’) ma di sviluppare disturbi nel comportamento alimentare. Le restrizioni ripetute possono provocare l’osteoporosi e fratture alle ossa. Nelle giovani, problemi all’ovulazione. L’Anses mette al bando le diete per i bambini, che possono disturbare la crescita normale, e alle quale si ricorre per una ”drammatizzazione” dell’obesita’ infantile che impone restrizioni alimentari non giustificate. Le diete piu’ a rischio, sostengono gli studiosi, sono quelle povere di glucidi, come l’Atkins o la stessa Dukan. Queste possono accrescere i rischi di malattie cardiovascolari e di certi tipi di tumore, anche se – precisa l’Anses – il legame di causa ed effetto non e’ stato ancora accertato. La morale e’ che bisogna mangiare tutto ed in modo equilibrato. E che, in caso di sovrappeso, invece di lanciarsi in un regime drastico e talvolta inefficace, oltre che deprimente, meglio rivolgersi ad uno specialista e farsi consigliare un’alimentazione su misura, adatto al proprio stile di vita.

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.