Categorie
Salute

Salute: la risonanza magnetica ci potrà dire come legge un bambino dislessico

Si puo’ prevedere il ”futuro” di un bambino dislessico, cioe’ capire se le sue capacita’ di lettura miglioreranno negli anni a venire, osservandone il cervello con la risonanza magnetica.

E’ quanto dimostra uno studio condotto alla Stanford University School of Medicine in California su quasi 50 ragazzini di 14 anni, circa la meta’ dei quali era dislessica. Lo studio e’ stato pubblicato sui Proceedings of the National Academy of Sciences dall’equipe di John Gabrieli. La dislessia e’ un complesso disordine che si manifesta con difficolta’ a riconoscere o ricordare le parole scritte, con conseguenti trasposizioni e inversioni di parole o di sillabe durante la lettura, condizione che puo’ creare profondo disagio per i piccoli tra i banchi di scuola.

I bimbi dislessici non sono meno intelligenti dei coetanei sani, ma devono fare i conti con alcune disfunzioni o alterazioni strutturali in aree del sistema nervoso importanti per la lettura. Un quinto di loro in genere trae benefici dagli interventi e legge in modo adeguato da adulto.

Gli esperti hanno visto che, se durante un test di lettura risulta piu’ attiva nel cervello (osservato con risonanza e con un’altro strumento diagnostico simile) un’area del lobo frontale chiamata ‘giro frontale inferiore’, i ragazzini (la cui lettura e’ stata riesaminata due anni e mezzo dopo) quasi certamente sono riusciti a compensare i propri problemi di lettura e dunque leggono in maniera adeguata. Questo genere di test predittivo con la risonanza, concludono i ricercatori, e’ accurato al 90% e potrebbe essere usato a scopo prognostico e per decidere gli interventi rieducativi piu’ mirati per i bimbi dislessici.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.