Categorie
Salute

Nociva una sostanza presente nelle tisane al finocchio

Meglio non dare le tisane digestive al finocchio a neonati, bimbi under-4 e gestanti, infatti il loro consumo espone all”estragolo’, sostanza presente nei semi di finocchio e quindi nelle tisane che e’ cancerogena. E’ la raccomandazione dell’INRAN, l’ente pubblico italiano per la ricerca in materia di alimenti in seguito a uno studio su queste tisane, molto utilizzate non solo come digestivo per grandi e piccoli, ma soprattutto come rimedio naturale per le coliche dei neonati e per favorire la produzione del latte nelle mamme durante l’allattamento.

Gia’ nel 2001 l’estragolo era stato riconosciuto a livello europeo come sostanza cancerogena e tossica per i geni, tanto da bandirne l’aggiunta come aromatizzante agli alimenti. La ricerca, realizzata nell’ambito del progetto europeo FACET, finanziato nel VII Programma Quadro, in cui l’INRAN coordina il sottoprogetto sugli aromi alimentari, ha permesso per la prima volta di stimare l’esposizione all’estragolo associata al consumo di tisane al finocchio analizzando prodotti in commercio. I ricercatori hanno studiato i prodotti piu’ venduti in Italia: 9 tisane vendute in bustine da te’, 7 tisane istantanee, un campione di semi sfusi acquistati in 6 differenti erboristerie di Roma.

Ogni tisana e’ stata preparata con 100 ml di acqua bollente e un tempo standard di infusione di 7 minuti. E’ emerso un eccesso di estragolo quindi il consumo di tisane non e’ considerabile sicuro, almeno per i neonati, spiega l’autore della ricerca Antonio Raffo. Questi risultati confermano dunque le recenti indicazioni in materia dell’EMEA, l’Agenzia europea che si occupa della valutazione scientifica dei farmaci, secondo cui il consumo di tisane al finocchio non e’ raccomandato nei bambini sotto i 4 anni, ne per donne in gravidanza e durante l’allattamento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.