Grazie all’immaginazione possiamo mangiare di meno. Una ricerca rivela che è in grado di saziare

Grazie all’immaginazione possiamo mangiare di meno. Una ricerca rivela che è in grado di saziare

L’immaginazione sazia: se immagini di mangiare la tua torta preferita, boccone dopo boccone, l’appetito per quella torta diminuira’, cosi’ quando ti ci troverai di fronte, finirai per mangiarne meno. E’ il potere dell’immaginazione decretato da esperimenti condotti alla Carnegie Mellon University di Pittsburgh e pubblicati sulla rivista Science. L’immaginazione funziona, spiega Carey Morewedge, perche’ aziona un meccanismo di adattamento e appagamento, come se la persona avesse veramente mangiato quel cibo e non ne volesse altro.

Si e’ sempre creduto che pensare a un cibo scateni il desiderio di mangiarlo. Ma pare proprio sia vero il contrario. Gli esperti Usa, infatti, hanno compiuto una serie di esperimenti che mostrano che immaginare, boccone dopo boccone, di mangiare un cibo, riduce il desiderio per quello specifico cibo.

Gli scienziati hanno chiesto ai volontari di immaginare di infilare 30 capi in una lavatrice e di mangiare tre caramelline al cioccolato; poi di infilare 33 capi in lavatrice; poi di infilarne 3 e mangiare 30 caramelline. Poi gli esperti hanno messo di fronte ai volontari una ciotola piena di queste caramelline (che spesso si finisce per mangiare una dietro l’altra come patatine o salatini) ed hanno visto che quando i partecipanti immaginano di mangiarne 30 o 33, ne consumano un numero molto ridotto rispetto a chi immagina di riempire la lavatrice. L’immaginazione, inoltre, funziona solo col cibo specifico, cioe’ se pensi di mangiare formaggio poi non ti passera’ la voglia di caramelline e viceversa.

Secondo i ricercatori l’azione immaginata di sgranocchiare un certo cibo produce nel cervello lo stesso effetto di adattamento e appagamento messo in atto nel nostro organismo per evitare di mangiare troppo e fermarci quando abbiamo gia’ preso troppe porzioni di qualcosa che ci piace tanto. In futuro si potrebbe vedere se l’immaginazione funziona anche per limitare l’assunzione di alcol e droghe nei tossicodipendenti.

Potrebbero interessarti anche...