Stalking, stupri e violenza domestica: le vittime rischiano disturbi mentali

Stalking, stupri e violenza domestica: le vittime rischiano disturbi mentali
stupro_lapresse

(Lapresse)

NEW YORK – Il rischio è che sviluppino disturbi mentali, anche molti anni dopo la violenza, lo stupro, gli episodi di stalking. Le donne vittime possono stare molto male, possono perdere lucidità per via dei traumi subiti e ammalarsi, specialmente quando ad abusare di loro è stato il partner o un parente.

Il nuovo studio del Journal of American Medical Association rivela i possibili pericoli e le ripercussioni sulla salute delle donne quando finora, una volta buttata alle spalle la violenza, si pensava che rimanesse solo il dolore.

In realtà è proprio il dolore e l’ossessione di un trauma così grande e di una ferita praticamente inguaribile come quella dello stupro a scatenare eventuali disturbi mentali nei soggetti più fragili dopo esperienze strazianti.

“Spesso quando professionisti psicologi o psichiatri si trovano di fronte a donne con forti depressioni o disturbi mentali, non devono mai perdere di vista un punto: tutto potrebbe essere scaturito da una violenza subita”, ha spiegato Andrea Gielen,  direttore del Center for Injury Research e Politicy presso la Johns Hopkins University, a Baltimora.

I ricercatori hanno analizzato i dati sanitari di un campione rappresentativo di donne australiane di età compresa tra i 16 e gli 85 anni. Episodi di violenza sessuale, stalking e altri “violenza di genere” sono state fin troppo comuni, con il 27% di almeno una segnalazione di abuso nel gruppo.

Il 57% delle donne con una storia di violenza ha avuto anche una storia di depressione, disturbo bipolare, stress post-traumatico, problemi con droga o farmaci, ansia (tra cui crisi di panico e sindrome  ossessivo-compulsiva), contro il 28% delle donne che non aveva subito stupri o stalking.

Potrebbero interessarti anche...