Categorie
psicologia

Depressione postnatale nei padri: può far male ai bambini

ROMA – La depressione postnatale può colpire anche gli uomini. E fare male ai bambini.  Secondo una ricerca australiana la depressione postnatale nei genitori, in particolare nei padri, può causare problemi di comportamento nei figli. Per di più il 40 per cento dei neo-padri abusa della propria compagna o moglie tanto da portala a soffrire di depressione.

Uno studio sui padri condotto su oltre 2600 famiglie dall’Università di Newcastle, pubblicato sul Medical Journal of Australia, indica che i bambini i cui padri hanno sofferto di depressione dopo la loro nascita, hanno una probabilità tre volte maggiore, rispetto ai figli di padri non depressi, di soffrire di problemi emotivi e comportamentali fra i 4 e i 5 anni.

Spesso la depressione materna e quella paterna si verificano allo stesso tempo, scrive l’autore della ricerca Richard Fletcher, creando ”lo scenario peggiore” per i figli. Secondo lo studio, soffre di depressione dopo la nascita di un figlio il 2,6 per cento delle madri e l’1,3 per cento dei padri.

I padri depressi, poi, tendono a stare di meno con i figli, e usano più spesso punizioni fisiche ai piccoli anche di un anno. I problemi paterni sono spesso ignorati, osserva Fletcher, ma lo studio rivela che ”la depressione paterna poco dopo una nascita è importante quanto quella materna”.

Nel secondo studio, dell’Istituto di ricerca pediatrica di Melbourne, sul legame fra depressione materna e abusi del partner, gli autori raccomandano agli operatori che si occupano di neo-madri vittime di depressione una maggiore vigilanza, e di ”considerare la possibilita’ che al disturbo contribuisca la violenza del partner”.

Nella ricerca condotta su 1305 madri per la prima volta, pubblicato sull’International Journal of Obstetrics and Gynecology, Hannah Woolhouse e i colleghi hanno osservato che il 16 per cento accusava depressione nei 12 mesi dopo il parto. Circa il 40 per cento di loro ha riferito abusi fisici o emotivi, questi ultimi più frequenti e altrettanto dannosi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.