photogallery

Fingere l’orgasmo? non sempre è sbagliato

Harri ti presento Sally

Il film “Harry ti presento Sally” è diventato famoso anche (e soprattutto) per “quella” scena.
Eppure, secondo le statistiche, sembra proprio che quella famosa sequenza, in cui la protagonista Meg Ryan simula perfettamente un orgasmo  in un ristorante per provare al suo amico che tutte le donne sono brave a “fingere”, non faccia parte solamente dei set cinematografici: ovviamente non al ristorante e non di fronte a decine di persone, ma uno studio pubblicato su Daily Mail dimostra come circa il 60% delle donne simuli l’orgasmo con il proprio partner.

Lo studio ha sottoposto ad intervista 366 donne di età compresa tra i 18 e i 32 anni. Tutte hanno ammesso di aver finto almeno una volta il piacere. Il dato può sembrare piuttosto “allarmante”, eppure i sessuologhi tranquillizzano: il dato deve risultare pericoloso solo nel caso in cui la simulazione di orgasmo sia continua e ripetitiva.

Spiega la sessuologa Roberta Giommi in un articolo sul “Corriere della Sera”: “Se si finge un orgasmo ogni tanto, questo può essere dovuto al fatto che il partner lo raggiunge in un momento in cui non si è altrettanto predisposte. Ma se fingere sempre significherebbe condannarsi a non vivere la propria sessualità in modo pieno, in una relazione arrivare a farlo “una tantum” può essere un tentativo di non interrompere la complicità, un momento di piacere comune”.

L’esperto del magazine online Alfemminile.com spiega: “La simulazione esisterà finché esisteranno le differenze tra i sessi”.
Uomini e donne hanno una percezione diversa della sessualità, ma il nostro grande torto è ragionare per analogie. Risultato: “Siccome il piacere maschile si concentra per la maggior parte al momento dell’orgasmo, gli uomini credono che per la propria partner sia lo stesso. E che un rapporto sessuale che non si conclude con un orgasmo sia un fallimento!” La soluzione? simulare il piacere supremo per rassicurare il proprio amante sulla qualità del rapporto.

Insomma, sembra che a volte qualche “bugia a fin di bene” non sia del tutto controproducente… l’importante, come in tutte le cose, è non esagerare.

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.