Ladypic

Cannes: Mel Gibson con Jodie Foster alla presentazione di “The Beaver”

CANNES (FRANCIA) – Nel nuovo film di Jodie Foster, ‘The Beaver’ è un castoro di pezza a parlare per la maggior parte del lungometraggio. Anche al Festival di Cannes, la regista e attrice ha preso la parola al posto dell’amico di lunga data, Mel Gibson. L’attore, infatti, non ha partecipato alla conferenza stampa organizzata per la presentazione del film, decisione affine alla scelta di mantenere un basso profilo dopo gli ultimi scandali nella sua vita privata. Gibson si è presentato solo sul tappeto rosso del festival per la prima del film, ma non ha rilasciato interviste.

Gibson si è tenuto lontano dai riflettori nei mesi precedenti al debutto del film uscito negli Stati Uniti il 6 maggio, mentre la Foster ha pubblicizzato la pellicola e ha continuato a difendere l’amico dopo la brutta rottura con l’ex ragazza Oksana Grigorieva, che lo ha accusato di averla picchiata. L’attore è stato condannato a tre anni di libertà vigilata. “Non posso scusare il comportamento di Mel”, ha detto la Foster ai giornalisti durante la conferenza stampa a Cannes. “Però lo conosco bene, è stato un amico per molti, molti anni, è una persona gentile, leale e premurosa e posso passare ore a parlargli al telefono della mia vita. Ha una personalità complessa, la apprezzo e mi piace ciò che questo porta al suo lavoro”, ha aggiunto.

In ‘The Beaver’ Gibson è Walter Black, un marito e padre di famiglia depresso e vicino al suicidio in cura da un terapista insolito: un castoro di pezza che lo aiuta a comunicare con la moglie (Jodie Foster), i due figli e i colleghi della sua società di giocattoli in crisi. In un primo momento il pupazzo migliora la vita privata e lavorativa dell’uomo, ma poi si trasforma in un pericoloso alter ego che fa precipitare Walter in un vortice oscuro. Alcuni critici hanno definito la performance di Gibson nella pellicola come una delle migliori della sua carriera e qualcuno ha giudicato ‘The Beaver’ una vera e propria terapia per l’attore. Dal canto suo, la Foster ha detto di non sapere se il film potrà aiutare a ristabilire la reputazione danneggiata dell’amico, ma di sicuro offre uno scorcio della sua anima. “Credo che sia fiero di ciò che ha mostrato”, ha spiegato la regista e attrice. “Vuole che la gente veda quella parte di lui. Ricordiamoci che è un uomo incredibilmente riservato, quindi quello che mostra sullo schermo è il massimo che si possa vedere”, ha detto. “Questo – ha concluso la Foster – è il modo per noi attori di dire alle persone ‘Ecco chi sono veramente'”.

Il red carpet di “The Beaver” (foto AP/LaPresse)

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.