Categorie
famiglia

Acquisire la cittadinanza Americana per diritto di nascita non sarà più così semplice

Un gruppo di parlamentari americani ha lanciato una campagna per creare due tipi di cittadinanza americana: una di prima classe e l’altra di seconda classe riservata ai figli degli immigrati illegali. La proposta e’ destinata ad entrare in rotta di collisione col 14 Emendamento alla Costituzione Americana che qualifica come cittadini americani ”tutte le persone nate negli Stati Uniti”.

L’emendamento venne aggiunto ala Costituzione dopo la fine della Guerra Civile tra nord e sud e dopo la abolizione della schiavitu’ per precisare nel modo piu’ chiaro possibile che gli ex-schiavi dovevano essere considerati cittadini americani come tutti gli altri. Il traguardo era proprio quello di non avere cittadini di prima e di seconda categoria.

”Questa non e’ una posizione estremista – sostiene il deputato dell’Arizona John Kavanagh, uno dei promotori della iniziativa – Solo un pugno di paesi nel mondo garantisce la cittadinanza basata sulla locazione GPS della nascita”. ”Non e’ una misura discriminatoria – sostiene il deputato repubblicano della California Duncan Hunter – Quello che vogliamo dire e’ che ci vuole molto di piu’ che attraversare il confine per diventare cittadini americani.

Conta anche quello che c’e’ nella nostra anima”. Gli animatori della iniziativa contano di ottenere l’approvazione delle due classi di cittadinanza nei congressi statali causando battaglie legali sulla costituzionalita’ o meno di tali misure destinate ad approdare davanti ai giudici della Corte Suprema. A sostegno della iniziativa vengono citati casi come quello di una donna messicana che ha attraversato il confine al nono mese di gravidanza portando con se’ delle forbici per tagliare il cordone ombelicale del bebe’ nato sul suolo americano.

La legge in vigore protegge dalla deportazione i bambini nati in America, anche se figli di immigrati illegali, ma non protegge i loro genitori dalla deportazione verso il paese di origine. I critici della iniziativa sostengono che la misura avrebbe l’effetto di violare una delle basi morali e legali che alimenta il Sogno Americano: che tutti i cittadini sono eguali ed hanno gli stessi diritti di base garantiti dalla Costituzione americana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.