famiglia

Dagli assegni familiari ai sostegni maternità: 62 miliardi di euro l’anno per gli aiuti alle famiglie

Dal sostegno alla maternita’ agli assegni al nucleo familiare, passando per le detrazioni per i figli a carico o il bonus per l’asilo nido. Valgono oltre 62 miliardi di euro l’anno gli aiuti alla famiglia e si sommano, tra fisco e welfare, una quarantina di interventi diversi. A questi si aggiungono circa 2 miliardi di spesa da parte dei Comuni e oltre un miliardo di euro di prestiti Inpdap erogati a tasso agevolato.

E’ il quadro contenuto in un documento di lavoro del governo portato, in versione provvisoria, al tavolo della riforma fiscale che si occupa delle sovrapposizioni tra fisco e welfare. Oggi di sovrapposizioni di aiuti nel campo della famiglia ha parlato anche il ministro dell’Economia Giulio Tremonti intervenendo a Telefisco, convegno del Sole 24 Ore. Per la famiglia si spende dunque il 4% del Pil tra assegni erogati dal sistema del welfare e sconti fiscali. ”La direttrice utile di una riforma non passa per stanziamenti ulteriori e marginali” ma attraverso una razionalizzazione.

E’ quanto spiega un documento di lavoro del governo consegnato a uno dei tavoli impegnati sulla riforma fiscale. Nel gruppo guidato da Mauro Mare’ si e’ cominciato dunque a fare la conta delle voci che si ‘doppiano’ nei vari settori, dall’invalidita’ alla famiglia, dal lavoro alla poverta’. ”L’obiettivo che si e’ dato il gruppo di lavoro – spiega una fonte che partecipa al tavolo – e’ quello di avere una ricognizione puntuale delle risorse in campo e dei differenti interventi entro la fine di marzo”.

Per la famiglia sembra troppo presto dunque parlare di possibile maxi-assegno in sostituzione dei tanti piccoli aiuti, ipotesi circolata in sede tecnica prima che fossero avviati dal ministro dell’Economia Giulio Tremonti i quattro tavoli di lavoro, ma risulta evidente, si legge nel documento governativo, che ”gli spazi di sovrapposizione sono cosi’ ampi ed il novero degli istituti cosi’ vasto che la tutela della famiglia si presta ad una efficace opera di razionalizzazione”.

La tabella sugli aiuti alla famiglia mette nel paniere: le pensioni ai superstiti (35 miliardi), ”una delle fonti di alimentazione del cosiddetto welfare intrafamiliare”, si spiega nel dossier, gli assegni al nucleo familiare (6,4 miliardi), il trattamento per la maternita’ (3 miliardi), le detrazioni fiscali (14,8 miliardi) per familiari a carico, per spese funebri, per spese di istruzione, asili nido, nonche’ una serie di aiuti da parte degli istituti previdenziali per vacanze studio, libri di testo, convitti e case di soggiorno (2,7 miliardi).

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.