Categorie
divi

Marco Simoncelli torna a Coriano. Tanto il calore intorno a lui

CORIANO (RIMINI) I capelli sciolti come se
il vento potesse scompigliarli per sempre – I capelli sciolti come se
il vento potesse scompigliarli per sempre, una maglietta e un
paio di jeans come quelli che portava quando passeggiava per le
strade di Coriano, sulle mani i segni della terribile caduta che
lo hanno strappato per sempre al mondo delle corse e alla vita.
E' questa l'ultima immagine che i tifosi e gli amici di Marco
Simoncelli possono vedere del campione morto domenica a Sepang,
nella camera ardente allestita nel piccolo teatro di Coriano, il
paese dove era nato 24 anni fa.

Nel teatro il feretro, coperto da una lastra di vetro, ha
cominciato a ricevere una lenta interminabile processione di
persone che sono venute a salutare Marco Simoncelli. Il piccolo
paese alle porte di Rimini si e' svegliato per un'altra giornata
di lacrime e si e' messo in fila per salutare Sic. In tanti sono
arrivati per piangere e per dare l'ultimo saluto a quel
ragazzino scavezzacollo che avevano conosciuto fin da piccolo e
che aveva scalato i vertici del motociclismo mondiale.

Dietro al feretro, sul palcoscenico del teatro sono state
messe due moto, quella con la quale Simoncelli aveva vinto il
mondiale 250 e quella con cui correva nel MotoGp. Sullo sfondo,
proiettata, una grande foto di Marco sorridente. In molti hanno
cominciato a portare fiori, e praticamente tutto il paese e'
tappezzato da striscioni e dal suo numero di gara, il 58, con il
quale amici e tifosi hanno voluto celebrarlo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.