Categorie
divi

Otto lavoratori della fondazione “Raising Malawi” fanno causa a Madonna dopo il licenziamento

MALAWI – Otto lavoratori africani hanno fatto causa a Madonna per essere stati licenziati dopo che il progetto della sua “Academy of Girls”, una scuola per bambine da costruire in Malawi, è naufragato a causa della pessima gestione.

Gli amministratori della fondazione che se ne doveva occupare, la “Raising Malawi”, a cui Madonna aveva donato ben 11 milioni di dollari, ne avevano, infatti, spesi ben 3,8 senza nemmeno posare la prima pietra, sperperandoli in macchine, uffici e tessere di golf club.

Dopo lo scandalo, il consiglio d’amministrazione della fondazione umanitaria è stato rimosso e sostituito da uno provvisorio, di cui fanno parte la stessa pop star e il suo manager. Ma i problemi, a quanto pare, non sono ancora finiti.

Otto lavoratori impiegati dalla “Raising Malawi” sarebbero stati licenziati, secondo quanto dichiarato dal loro avvocato, Mzondi Chirambo, subito dopo che il progetto della scuola è fallito, senza che venissero loro pagati i salari arretrati e i benefit promessi.

Madonna avrà ora 14 giorni di tempo per rispondere alle accuse e pare stia meditando di far causa a sua volta ai lavoratori. Fra questi ci sarebbe anche la dottoressa Anjimile Oponyo, che avrebbe dovuto dirigere la scuola, ma di cui il Global Philanthropy Group in una verifica contabile aveva dato un giudizio ben poco lusinghiero: «Il suo carisma maschera la sostanziale mancanza di conoscenza della didattica e le sua scarse abilità di manager sono la causa principale dell’attuale caos finanziario e programmatico».

Il direttore esecutivo della Fondazione, Philippe van den Bossche, fidanzato con l’ex personal trainer di Madonna, era già stato costretto a lasciare il posto nell’ottobre scorso a causa delle critiche sui suoi metodi di gestione poco oculati e sulle eccessive spese.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.