Categorie
divi

Il principe Alberto di Monaco si sposerà il 2 luglio del 2011 con Charlene Wottstock

Ad essere a dir poco rivoluzionario per un principe è il tipo e il luogo in cui il matrimonio si svolgerà: alle nozze civili, gli invitati saranno una cinquantina appena. Per quelle religiose “circa un migliaio”, dice il Principe, non all’interno della Cattedrale ma invece nel cortile del palazzo, in mezzo alla sua gente e davanti alla folla, come se fosse il matrimonio di qualcuno di loro.

Il 18 aprile 1956, suo padre Ranieri III e l’attrice Grace Kelly si erano sposati, davanti a 30 milioni di spettatori, ripresi in Eurovisione, nella cattedrale, “in stile romanico, imbarocchito e lucidato” come raccontavano le cronache dei giornali, mentre fuori “erano schierati i picchetti dei carabinieri impennacchiati e dei marinai delle 4 marine militari rappresentate”, con i secchi comandi che raggiungevano anche gli sposi, dentro, “fin presso l’altare”». Gli squilli delle trombe e le marce guerresche si mischiavano stranamente alle musiche di Bach e di Mozart. Ma quello era un matrimonio che rappresentava una favola regale, e quasi la nascita di un Regno con anche due omelie lunghissime: una in francese e una in inglese.

Il matrimonio di Alberto sarà l’opposto. L’erede di Ranieri III sta cercando di riconsegnare quel regno alla sua gente, di rimodellarlo sulle scansioni della modernità ed anche questa scelta lo conferma

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.