Categorie
divi

Ambra Angiolini racconta a Sette: “Così ho superato il mio crollo psico-fisico”

Ambra Angiolini racconta a Sette la sua “rinascita”, dopo la crisi che a settembre l’aveva costretta ad abbandonare il set della serie “La nuova squadra”.

L’ex bambina prodigio degli anni Novanta sottolinea: «Molti hanno scritto erroneamente che ho abbandonato per vezzo. Invece mi è successo di crollare. (…) Non potevo più lavorare. Ero totalmente ingoiata dalle mie paure, dalle mie fobie».

Dopo una serie di controlli in ospedale è arrivata la diagnosi: «Il mio corpo funzionava male. L’essermi dimenticata per tanto tempo di me, per rincorrere le cose da fare, mi aveva fatto andare avanti a forza di debiti fisici. E poi è arrivato il conto, all’improvviso. Non riuscivo più a mangiare, come se il mio corpo volesse azzerare tutto e ripartire con lo svezzamento» racconta l’attrice, nelle sale con il film “Immaturi” di Paolo Genovese.

Dopo un periodo in clinica, Ambra è tornata a casa, ma «ci sono voluti due mesi per stare di nuovo bene». Nel frattempo, la madre Doriana l’ha aiutata con i figli (Jolanda, 7 anni, e Leonardo, 4), nati dall’ormai rodatissima unione con il compagno Francesco Renga.

Anche lei aveva attraversato la stessa esperienza e ha quindi saputo consigliare bene la figlia. «Mia madre mi rassicurava dicendo: “Io ho preso farmaci probabilmente sbagliati, e tuttavia adesso sto bene e sono qui. Guarda, si ritorna” – racconta la Angiolini, che invece si è curata solo con l’omeopatia – La mia paura era che non fosse più possibile tornare come prima. Non sapevo se stessi diventando pazza».

Invece, Ambra è tornata più forte di prima, pronta a lanciarsi non solo nel nuovo film, ma anche nello spettacolo “I pugni in tasca”, adattamento teatrale della pellicola di Marco Bellocchio, che in questi giorni sta portando in tourneé.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.