Weylandt, Bettini: E' giusto andare avanti ma il dolore è molto grande

Weylandt, Bettini: E' giusto andare avanti ma il dolore è molto grande

Genova – "Abbiamo corso tre anni insieme, si dice spesso che le persone del nord Europa abbiano un carattere freddo, lui invece era uno che in gruppo si divertiva. Aveva saputo trasformare il suo gioco preferito in un lavoro. Con il dolore, ma è giusto andare avanti per lui". Così il commissario tecnico della nazionale di ciclismo, Paolo Bettini, ricorda Wouter Weylandt, il corridore scomparso ieri.

Potrebbero interessarti anche...