Categorie
curiosità

Sisma Giappone, i 2 ingegneri Tepco sono morti per dissanguamento

Tokyo (Giappone) – I due dipendenti di Tepco, uccisi dallo tsunami dello scorso 11 marzo mentre lavoravano all'interno della centrale di Fukushima Daiichi, sarebbero morti per perdita di sangue dovuta a numerose ferite esterne. Lo ha riferito il portavoce di Tepco, Naoki Tsunoda, spiegando che è stato necessario decontaminare i corpi a causa delle radiazioni fuoriuscite dalla centrale nelle ultime tre settimane. I due, ingegneri di 21 e 24 anni, erano dispersi dall'11 marzo, ma i loro corpi sono stati trovati solo mercoledì scorso e l'annuncio è stato ritardato di qualche giorno per rispetto nei confronti delle famiglie. Si tratta della prima conferma di morti all'interno della centrale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.