Nilla Pizzi, una vita fra musica e televisione

Nilla Pizzi, una vita fra musica e televisione

Milano – La carriera di Nilla Pizzi non partì subito col piede giusto. Dopo aver vinto un concorso per voci nuove dell'Eiar nel 1942, la cantante viene allontanata per alcuni anni dalle radio italiane poichè la sua voce risulta troppo sensuale ed esotica per il regime fascista. La popolarità, però, non le manca e la conferma definitiva arriva nel 1951 quando con il brano 'Grazie dei fior' conquista il primo Festival di Sanremo della storia. Da quel momento in poi la strada è in discesa: successi come 'Vola colomba', 'L'edera' e 'Papaveri e papere' la consacrano come regina della canzone italiana. Ma Nilla Pizzi non è solo musica: le sue partecipazioni televisive la rendono ancora più celebre al grande pubblico. Approfittando della sua notorietà la Pizzi negli anni '90 è comparsa addirittura in una serie di televendite per pubblicizzare le piramidi della fortuna, piccole sculture che promettevano agli acquirenti la soluzione di tutti i loro problemi. Il business si interrompe nel 1995 quando la questura di Genova apre un'indagine. La cantante partecipa come opinionista a numerosissime trasmissioni televisive, soprattutto negli anni '80 e '90. Fra gli altri si ricorda un suo cammeo in una puntata di 'Mai dire lunedì' in cui prende parte ad uno sketch di Aldo, Giovanni e Giacomo. Le sue ultime due apparizioni televisive sono state il Festival di Sanremo 2010, per celebrare i 60anni della manifestazione canora, e la trasmissione 'Minissima' di Paolo Limiti in cui ha omaggiato la collega e amica Mina. Nilla Pizzi aveva iniziato a settembre la lavorazione di un nuovo album di inediti, ma la sua scomparsa non ne permetterà il completamento.

Potrebbero interessarti anche...