Categorie
curiosità

Libia post Gheddafi, prima tappa? Il ritorno della poligamia

TRIPOLI – Ma avete sentito? Il nuovo governo provvisorio libico vuole reinstaurare la poligamia. Ci avevano detto che con Gheddafi la situazione sarebbe migliorata, che la Libia avrebbe iniziato ad essere un Paese più “laico”, più simile all’occidente perché dall’occidente liberato (e non che questo sia sempre una cosa positiva). E sarebbe questa la laicizzazione della Libia? Introdurre di nuovo nella società civile un precetto del Corano?

Pensate a come si sono sentite le donne libiche, che da anni ormai sono abituate ad essere le “uniche” donne (almeno ufficiali) per i propri mariti. Loro che la rivoluzione l’hanno fatta come gli uomini, che si sono dovute sentir dire? Che il primo provvedimento del nuovo governo sarà quello di dare la possibilità ai loro mariti di sposare altre donne. Che bel programma politico…

Tanta è la delusione che molte giovani stanno protestando. Scrive il ‘New York Times’ che “fra le giovani donne all’università di Tripoli il sentore è unanimemente negativo, persino per quelle più rigidamente coperte dai veli, che sono d’accordo con Abdul-Jalil sul fatto che la Shari’a debba essere la base per la nuova costituzione del paese.

Gheddafi quindi è caduto, anzi è proprio morto, ma la situazione in Libia per le donne non è migliorata. Anzi, per assurdo potrebbe peggiorare. Già le donne continuano a vivere separate dagli uomini in molte parti della vita pubblica (ad esempio nelle manifestazioni politiche), ora dovranno anche dividere la propria casa con delle “contendenti”.

Lady V

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.