La moglie di Weiner sotto l’ala protettrice di Hillary Clinton

La moglie di Weiner sotto l’ala protettrice di Hillary Clinton

WASHINGTON – Hillary Clinton prende sotto la sua ala protettrice Huma Abedin, la sua più stretta collaboratrice e moglie incinta del deputato Anthony Weiner, coinvolto nell’ultimo scandalo cyber-sessuale che sta sconvolgendo Washington.

Di mariti fedifraghi e polveroni mediatici, del resto, Hillary ne sa qualcosa, essendo rimasta al fianco del marito Bill Clinton durante il “Sexgate” che vide protagonista la stagista Monica Lewinsky. E si capisce, dunque, perché a consigliare e consolare il capo del suo staff, l’affascinante e sfortunata Huma, 35 anni, sia ora proprio lei che ha sperimentato in prima persona il dolore e la vergogna di un tradimento.

La Abedin è una fedelissima dell’attuale segretario di Stato americano da ben 15 anni e cioè da quando cominciò la propria carriera come tirocinante. Fra le due donne c’è sempre stata molta simpatia, tanto che le malelingue, in passato, avevano addirittura parlato di un’ipotetica relazione lesbica, rivelatasi poi completamente falsa.

A completare il quadro, c’è poi una curiosità: mentre Anthony Weiner messaggiava con la studentessa universitaria del Texas Megan Broussard, la moglie Huma Abedin si trovava proprio a Roma, con la delegazione di Hillary Clinton, per il Gruppo di Contatto sulla Libia presieduto da Franco Frattini. «Sembra che Weiner sfruttasse il tempo che lei dedicava alla politica estera per occuparsi dei suoi affari interni» ironizzava, infatti, qualche giorno fa il New York Post.

Vero è, del resto, che mentre Huma aiutava il segretario di Stato a trovare una soluzione politica alla crisi libica, lui avviava una relazione virtuale con la giovane aspirante infermiera texana, mandandole messaggi su Facebook, telefonandole dall’ufficio e inviandole le ormai famigerate foto delle sue erezioni.

Ora, però, il futuro di Weiner potrebbe dipendere proprio dalla moglie Huma, che al momento si trova in Africa: se tornerà sorridente e getterà le braccia al collo del marito, scrive il Sunday Times, forse potrà “salvarlo” agli occhi dell’opinione pubblica, ma quel che è certo è che l’uomo non godrà più della stima e del supporto di Hillary Clinton.

Potrebbero interessarti anche...