Guatemala, sì a divorzio first lady, potrà correre per presidenza

Guatemala, sì a divorzio first lady, potrà correre per presidenza

Guatemala City (Guatemala) – Un giudice guatemalteco ieri ha respinto la causa contro il divorzio della moglie del presidente Alvaro Colom, aprendo alla first lady la via per la candidatura alle elezioni presidenziali. Vari gruppi di opposizione avevano chiesto di bloccare il divorzio, che avrebbe permesso a Sandra Torres de Colom di aggirare il divieto costituzionale che i familiari dei presidenti corrano per la stessa carica. La first lady ha chiesto il divorzio il 21 marzo, per potersi candidare con il partito al governo alle elezioni di settembre, in cui sarà scelto il successore del marito. Il giudice Mildred Roca ha stabilito ieri che la causa di divorzio può proseguire. È possibile fare appello alla decisione e gli attivisti dell'opposizione hanno annunciato che stanno pensando alle prossime mosse. Roxana Baldetti, candidata alla vicepresidenza per il partito di opposizione Patriot, ha detto che si potrebbe ricorrere al ricorso per bloccare la candidatura della first lady. Jose Luis Portillo, avvocato del presidente Colom, ha invece chiamato la decisione "una sentenza del tutto legale, nel rispetto del diritto civile e di famiglia". Portillo ha spiegato che il matrimonio sarebbe sciolto, ma che starà alla coppia stabilire se continuare a vivere insieme.

Potrebbero interessarti anche...