Categorie
curiosità

Greenpeace: Ucraini ancora mangiano cibo contaminato dopo Chernobyl

Kiev (Ucraina) – Il gruppo ambientalista Greenpeace ha dichiarato che centinaia di migliaia di ucraini stanno ancora mangiando cibo contaminato dalle radiazioni seguite all'esplosione alla centrale nucleare di Chernobyl, avvenuta 25 anni fa. Greenpeace ha riportato che nei campioni di latte, bacche, patate e altre verdure raccolte in due regioni dell'Ucraina fuori dalla cosiddetta "zona di esclusione" ci sono livelli inaccettabili dell'isotopo radioattivo cesio 137. Le zone in cui sono stati prelevati i campioni si trovano nell'Ucraina nord-occidentale, fuori dalla zona di esclusione dove è vietato vivere. Iryna Labunska, ricercatrice di Greenpeace, ha criticato il governo per avere interrotto le misure antiradiazioni nella zona due anni fa. Tra queste c'era la fornitura di fieno non contaminato per le vacche da latte.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.