Il Foro Romano illuminato. 100 mila euro hanno dato luce ad un pezzo di Roma Antica

Il Foro Romano illuminato. 100 mila euro hanno dato luce ad un pezzo di Roma Antica

Luce sul percorso della via Sacra, tra le pendici del Campidoglio e l’Arco di Tito. Luce sul Tempio di Vespasiano, sul Tempio di Saturno, sul Portico degli Dei Consenti, sull’Arco di Settimio Severo, sul Tempio dei Castori e su quello di Antonino e Faustina.

Sono bastati 100 mila euro e un mese di lavori perche’ fossero sistemati quaranta proiettori, made in Italy, che da oggi rilasceranno sul Foro Romano luce pulita e a basso consumo, poco piu’ di cinque kilowatt e cioe’ quella necessaria per alimentare un’abitazione di media dimensione.

A presentare quella che per il sindaco di Roma, Gianni Alemanno, rappresenta ”una svolta epocale” c’erano anche il sottosegretario ai Beni culturali, Francesco Giro, i sovrintendenti Umberto Broccoli e Annamaria Moretti e l’assessore capitolino alla Cultura Umberto Croppi, mentre il commissario Roberto Cecchi ha partecipato solo telefonicamente. La luce sara’ accesa tutti i giorni dal tramonto alle due del mattino e sara’, soprattutto a favore di chi passeggia su via dei Fori Imperiali.

Alemanno ha ricordato quando ”era il sindaco ad accendere due piccoli fari con un interruttore posizionato sul balconcino dell’ufficio. Ora i Fori saranno sempre illuminati”. Per Giro ”e’ nato un modello Roma che non esiste in nessun altra citta’ d’arte”. Secondo il sottosegretario ”e’ incomprensibile la polemica sull’aumento di un euro per l’ingresso nei musei civici: i turisti non vogliono la Roma discount, stracciona, ma bella”.

Potrebbero interessarti anche...