Categorie
curiosità

Addio a Evelyn Lauder, inventrice del “nastro rosa”

Evelyn Lauder

NEW YORK – Nella sua lunga carriera come dirigente di Estee Lauder, l’azienda di cosmetici fondata dalla suocera, Evelyn Lauder ha lavorato con mille sfumature di giallo, rosso e bronzo, ma è il rosa il colore che ha cambiato la sua vita. La donna, morta all’età di settantacinque anni per un tumore alle ovaie, come ha annunciato la famiglia in un comunicato, è stata infatti la creatrice della campagna nastro rosa, diventata il simbolo mondiale della lotta contro il cancro al seno.

La nuora della pioniera dei cosmetici è nata a Vienna e abbandonò la città fuggendo negli Usa insieme alla famiglia dopo l’annessione dell’Austria alla Germania nazista. Arrivò a New York nel 1940, e qui conobbe Leonard Lauder, figlio di Estee, al college. Dopo il loro matrimonio, nel 1959, Evelyn è entrata a far parte di quella che allora era una piccola azienda di cosmetici, ricavandosi un ruolo importante nella compagnia e trasformandola insieme al marito in un colosso mondiale. Quando nel 1989 scoprì di avere un cancro al seno la Lauder lanciò una campagna di sensibilizzazione per la salute delle donne, anche se non amava parlare della sua storia personale. E’ stata lei infatti la creatrice della campagna natro rosa, e nel 1993 fondò la Breast Cancer Research Founudation, che ha raccolto più di 350 milioni di dollari destinati alla ricerca.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.