Categorie
ambiente curiosità

Perdono eredità da circa 2 milioni di euro: “non hanno accudito il cane”

Che il detto “il cane è il miglior amico dell’uomo”  sia più che reale è un dato di fatto. Numerose volte questi piccoli animali domestici hanno dimostrato di essere fedeli ai padroni fino alla morte.

Ancora più vero poi sarebbe stato per una coppia di Arco ai quali, oltre all’affetto, accudire un cane avrebbe portato anche soldi a palate. Per essere precisi, 1 milione e seicento mila euro (e spiccioli). E’ questa infatti la cifra che, una ricca (e animalista) vecchina del paesino di Arco, avrebbe lasciato nel testamento alla coppia di amici. In cambio? Solo accudire il suo piccolo Koky, un cagnetto di razza Koker che, di certo, non avrebbe dato fastidio a nessuno se curato come si deve. E invece, a quanto sembra dalle continue denunce dei vicini e dei passanti, la piccola creatura, affidata ad un’altra coppia di amici, era tenuta giorno e notte, al freddo e al gelo, legata fuori casa ad abbaiare. E se è vero che “can che abbaia non morde”, è anche vero che agli animalisti questo fatto non è andato giù  ed ecco che in men che non si dica la giovane, insensibile (e ottusa) coppia si è vista sfumare l’intera eredità.

Insomma, forse Madame De Savignè non aveva tutti i torti quando diceva “Più conosco gli uomini, più amo i cani”, di certo alla coppia di Arco non amare gli animali gli è costatata grossa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.