Corona: La mamma di Nina non mi permette di vedere mio figlio

Corona: La mamma di Nina non mi permette di vedere mio figlio

Milano – "Una mattina Nina mi ha chiamato e mi ha detto che sarebbe partita per 'L'isola dei famosi': dopo due ore era in volo. Carlos, mio figlio, viene lasciato alla nonna materna, ma la nonna non è in possesso di alcun documento di affidamento del bambino. Mio figlio subisce un lavaggio del cervello da parte della nonna, che lo riempie di bugie dicendogli che il padre è cattivo e bugiardo, che è sbagliato stare col padre e con la fidanzata del padre". Così Fabrizio Corona racconta la sua verità a 'Domenica 5' in merito alla vicenda del presunto rapimento del figlio da parte del paparazzo. Corona continua a parlare della nonna materna di suo figlio: "Da quando Nina è partita, non mi hanno fatto vedere mio figlio per 10 giorni e sono andato a casa della nonna con la forza e ho trovato mio figlio che piangeva e diceva di non voler venire con me perché la nonna gli faceva il lavaggio del cervello. Io l'ho portato con me, ha dormito a casa mia, ed è stato felicissimo; la mattina successiva l'ho riportato a casa. Il week end successivo sono andato a prendere il bambino e l'ho portato a casa con me; la nonna non era d'accordo, ma la nonna non può non volere che mio figlio stia con me, perché io ho un atto giudiziarie che mi permette di farlo, se concordato con la madre: ma come potevo concordarlo con la madre? Chiamo Simona Ventura che mi metta in contatto con Nina sull'Isola dei famosi E se lei dovesse restare sei mesi sull'Isola, io non vedo mio figlio per sei mesi?". "Il sabato successivo – prosegue Corona – vado di nuovo a prendere mio figlio e la nonna non si fa trovare in casa: si era nascosta nella casa del vicino tenendo il bambino chiuso per 24 ore per non farlo vedere al padre. Sono andato più volte a casa e non mi è mai stato fatto vedere. Quando è venuto il giorno in cui toccava a me stare con il bimbo, sono andato a prenderlo a scuola e ho scoperto che la nonna era andato a prenderlo due ore prima per non farmelo trovare. Il giorno dopo mi presento a scuola del bimbo e le suore mi dicono che la nonna ha detto loro che io non potevo entrare nella del figlio senza avere in mano un atto giudiziario. Io ero furioso e sono andato nell'aula di mio figlio, ma lui quel giorno non era stato portato a scuola. Allora sono andato dai carabinieri a fare un esposto contro la nonna.

Potrebbero interessarti anche...