Come si legge un oroscopo? “Astrologia per tutti” lo spiega

Come si legge un oroscopo? "Astrologia per tutti" lo spiega

Qual è il punto di vista del cosmo che ci permette di creare una road map -il progetto e il percorso- delle nostre vite? Perché da tempi antichissimi l’astrologia è importante nella cultura dell’umanità? Perché dovremmo interessarci di astrologia oggi?

Lo spiega Anna Maria Morsucci nel suo libro “Astrologia per tutti, la guida fondamentale per comprendere l’oroscopo” comparso da qualche giorno nelle librerie italiane e anche on line. E’ un testo che spiega come leggere e interpretare l’oroscopo e anche un tema di nascita, cioè la mappa che è fotografia simbolica del cielo nel momento e dal luogo in cui siamo venuti al mondo.

Si tratta di un volume maneggevole, quasi un tascabile, con copertina rigida e lucida color blu violaceo dal titolo a caratteri dorati, attraente nella forma e nella sostanza come si nota subito dalle prime righe. Già nelle pagine introduttive si parla di astrologia con le parole semplici e con i concetti chiari di chi è capace di trasferire contenuti complessi anche alle platee profane e nelle pagine successive tutto lascia pensare che districarsi nel mondo degli astri e degli oroscopi possa essere alla portata di tutti. Un libro che incuriosisce perché pur trattando una materia antica, controversa, avversata e discussa in più di un contesto culturale, si lascia leggere come una storia di cui si è curiosi di sapere come va a finire.

Abbiamo perciò voluto incontrare l’autrice Anna Maria Morsucci,  giornalista che per l’astrologia nutre una passione più che ventennale, per capire qualcosa di più del suo libro e di ciò che l’ha spinta a scriverlo, nonostante non manchino dei testi che illustrano i concetti chiave per poterci fare un’idea di cosa sia in realtà e a cosa possa servire l’astrologia.

“Astrologia per tutti”, un titolo che lascia immaginare una lettura facile che permette a tutti di capire di cosa si tratta quando si parla di oroscopo. E’ proprio così?

Direi che l’intento è esattamente questo: rendere comprensibile a tutti l’astrologia e in particolare l’analisi del Tema di Nascita, vale a dire il grafico simbolico del cielo nel momento e dal luogo in cui siamo nati permettendo a coloro che lo desiderano di avvicinarsi a quella che potremmo definire “astrologia scientifica”. Da molti anni in Italia vengono pubblicati libri con le previsioni annuali per ogni segno zodiacale e pochi testi piuttosto complessi riservati agli addetti ai lavori. “Astrologia per tutti” vorrebbe spiegare a tutti che cosa è l’astrologia che è cosa più complessa del dire, ad esempio, io sono del leone o della vergine…

Dopo avere letto il Suo libro saremo in grado di comprendere l’astrologia, quantomeno a grandi linee?

Il volume esamina gli strumenti fondamentali per la lettura di un Tema Natale, segni, pianeti, case, aspetti, modalità e fornisce gli strumenti e il metodo per interpretare il grafico del Tema Natale che esprime la nostra unicità visto che una persona viene al mondo solo quando gli astri formano quella configurazione irripetibile che possiamo leggere nel suo Tema Natale. Per rendere l’argomento ancora più accessibile, ho inserito anche alcuni esempi pratici di personaggi pubblici, dei quali “scansiono” il grafico del Tema Natale, analizzando le singole parti, per poi arrivare a un’analisi completa. la parte finale del volume è dedicata al senso di studiare astrologia oggi e a come questa disciplina può essere utilizzata per una maggiore consapevolezza. Quindi astrologia non per predire il futuro ma per fare in modo che esso sia il frutto di una scelta consapevole. 

Parliamo di un manuale quindi e anche de “ La guida fondamentale per comprendere l’oroscopo”. Quale è il motivo che l’ha spinta a scrivere un manuale di astrologia?

Studio astrologia dal 1992 e ormai da alcuni anni dicevo di voler scrivere un libro che aiutasse le persona ad avvicinarsi a questa disciplina. “Astrologia per tutti” ha come filo conduttore la parola “risposte”. Per tutta la lunghezza del suo percorso, pagina dopo pagina, vengono date risposte. Le stesse che ho cercato nel corso degli anni di studi in ambito astrologico quando, inevitabilmente, mi confrontavo con concetti nuovi o ancora in via di discussione dagli studiosi della materia. Così, dovendomi documentare su una mole di libri che mi fornivano solo parte delle risposte che cercavo, ho preso la decisione che un giorno avrei riunito tutti questi frammenti in un unico luogo. Un testo che ha come proposito quello di dare risposte, nel modo più semplice, a tutti coloro che, anche per la prima volta, hanno deciso di intraprendere un viaggio in questo mondo fatto di segni e pianeti… e di tante altre cose interessanti che scopriranno leggendo.

 “Astrologia per tutti” contiene un Suo particolare messaggio?

Che l’astrologia è una disciplina seria e importante e che oggi più che mai ci può aiutare a vivere meglio e in un modo più consapevole.

Cosa vorrebbe che le persone capissero dopo avere letto e magari anche studiato il Suo libro?

Vorrei che servisse a superare i preconcetti rispetto a questa disciplina che moltissime persone conoscono solo in modo superficiale – chi non sa del resto quale è il proprio segno – e altri associano soltanto a previsioni di sciagure… come se tutto fosse già scritto.  Oggi, ovviamente, nulla è stato ancora dimostrato per supportare la “scientificità dell’astrologia” anche perché spesso il mondo scientifico e il mondo astrologico non si parlano e non si conoscono.  Ma nel nuovo millennio più che mai, per ampliare le proprie conoscenze, sono necessarie sempre più connessioni tra i vari ambiti del sapere: fisica, psicologia, filosofia, matematica rappresentano solo alcune di quelle materie dove lo scambio ha ambizioni di interdisciplinarietà. Così, paradossalmente, si ritorna al senso primordiale del sapere, al di là dei particolarismi legati alle specifiche aree di competenza. In un contesto simile, l’astrologia può rivelarsi la “pietra angolare” per costruire una nuova visione del cosmo di cui ognuno di noi è parte integrante. Come Robert Hand, uno dei più noti astrologi contemporanei, ha avuto modo di dirmi in un’intervista, “Secondo l’opinione comune, è impossibile che l’astrologia funzioni. E sono d’accordo: letta alla luce degli studi scientifici attuali è impossibile. Eppure l’astrologia funziona. A questo punto, occorre ipotizzare che ci sia qualcosa di sbagliato nell’attuale visione che gli scienziati hanno del cosmo.”

Anna Maria Morsucci è una giornalista e studiosa di astrologia e di tarologia di cui si occupa da oltre venti anni durante i quali ha maturato una significativa esperienza sul loro utilizzo come strumenti di consapevolezza. Si interessa di crescita personale ed è coach certificato dall’International Coach Federation, tiene conferenze e seminari in tutta Italia ed è spesso ospite di trasmissioni televisive.

Gli ultimi due anni hanno visto nascere “Dio è la mia avventura” edito da Spaziointeriore e pubblicato nel 2015,  “Astrologia per Tutti”, pubblicato nel 2017 e “I Tarocchi Marsigliesi per Tutti”, scritto a quattro mani con Antonella Aloi uscito anch’esso nel 2017, entrambi pubblicati dalla casa editrice Lo Scarabeo. Dal 2011 scrive sulle principali riviste di settore.

In veste di curatrice si sta occupando della mostra internazionale “Tarocchi, dal Rinascimento a oggi” in programma a Torino a ottobre di quest’anno.

A cura di Francesca Cavaliere

Potrebbero interessarti anche...