Categorie
cucina

Involtini di verza al petto d’anatra

involtini di verzaUn piatto non semplice da preparare ma che se realizzato bene vi darà molte soddisfazioni. Gli involtini di verza al petto d’anatra richiedono una cottura lunga, di oltre un’ora. Si tratta di una pietanza dai sapori forti ma dalla consistenza delicata, col petto d’anatra ammorbidito proprio dalle foglie di verza.

Ingredienti per 4 persone: 

Una verza

Due petti d’anatra di circa 400 grammi ciascuno

Una salsiccia

Uno spicchio d’aglio

Uno scalogno

40 grammi di parmigiano grattugiato

Un uovo

30 grammi di pangrattato

30 grammi di burro

Salvia

Vino bianco secco

Brodo di carne

Sale e pepe

Preparazione:

Lavate e tagliate la verza, eliminandola del grosso ceppo centrale. Prendete le foglie più interne e scottatele in acqua bollente salata. Quindi scolatele e lasciatele asciugare distese su di un canovaccio.

Prendete i petti d’anatra e fategli dei tagli trasversali, quindi arrostiteli in una padella antiaderente senza alcun condimento. Fateli rosolare per 15 minuti dalla parte della pelle e per 10 minuti dall’altro lato. Sfumate a metà cottura con del vino bianco, quindi copriteli, abbassate il fuoco, salate e pepate. A fine cottura lasciateli raffreddare.

Passate quindi i petti d’anatra nel frullatore con la salsiccia spellata, l’aglio, il parmigiano, lo scalogno, l’uovo e il pangrattato, fino ad ottenere un composto omogeneo. Quindi con le mani umide formate delle polpette ovali, avvolgetele nelle foglie di verza e legatele con del refe da cucina oppure fermatele con uno stecchino.

In un tegame rosolate il burro, quindi aggiungete gli involtini e la salvia. Fate insaporire il tutto per qualche minuto. Versate il brodo di carne, abbassate la fiamma, coprite e lasciate proseguire la cottura per altri 25 minuti. Serviteli quindi in un piatto piano, bagnandoli leggermente con la rimanenza del brodo.

Varianti e abbinamenti:

Nel tegame oltre al burro si può aggiungere della pancetta tagliata a listarelle per dare quel senso di croccantezza al piatto. Un buon vino delicato per accompagnare i sapori forti e decisi della pietanza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.