Categorie
cucina

Canederli in brodo con speck e salvia

ROMA – Un piatto della trazione tirolese, i canederli richiedono una buona abilità ai fornelli per essere preparati bene. La difficoltà del piatto sta infatti nella sua consistenza, ed evitare che i canederli si rompano in fase di cottura richiede la giusta consistenza dell’impasto. Poi le varianti sono molte, sia in fase di cottura che nell’impasto.

Ingredienti per 4 persone:

Due litri di brodo di carne

30 grammi di burro

Una cipolla

40 grammi di farina

150 millilitri di latte

Noce moscata

200 grammi di pane raffermo

Pepe

Prezzemolo

100 grammi di speck

Due uova

Preparazione:

In una ciotola mettete il pane raffermo tagliato a dadini di circa un centimetro, aggiungete le uova sbattute con un pizzico di pepe e uno di sale ed il latte. Mescolate per bene e lasciate riposare per almeno due ore coprendo il tutto con un tovagliolo o uno strofinaccio. Mescolate di tanto in tanto, il pane deve diventare umido e morbido ma senza spappolarsi.

Tagliate finemente lo speck e la cipolla e preparate un soffritto in olio extravergine d’oliva e burro. Lasciate raffreddare il soffritto e incorporatelo all’impasto di pane insieme agli altri ingredienti: il prezzemolo tagliuzzato con la mezzaluna, la noce moscata, e infine cospargervi sopra la farina.

Mescolate il tutto e coprite il recipiente per almeno mezz’ora per far si che tutti gli aromi dei vari ingredienti si fondano. Passata la mezz’ora formate con questo impasto i canederli che dovranno avere un diametro di circa 8-10 centimetri. Per evitare che il composto si appiccichi troppo alle mani, bagnatele in una scodella d’acqua che terrete accanto.

Una volta confezionati i canederli, li si fa rotolare su un piatto nella farina bianca e si tengono da parte. I canederli vanno quindi cotti nel brodo bollente tutti insieme per almeno 15 minuti a fuoco molto basso. Quando verranno a galla saranno pronti.

Servite ben caldi nel brodo oppure con burro fuso e salvia.

Alternative e abbinamenti: 

Nell’impasto si possono anche aggiungere degli spinaci lessi, stando ovviamente sempre attenti alla consistenza. Un vino rosso dalle tonalità forti si sposa molto bene con la delicatezza del piatto.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.