cronaca

Processo Meredith, Guedè conferma accuse a Knox e Sollecito

Perugia – Rudy Guedè ha confermato oggi in aula a Perugia le sue precedenti dichiarazioni, affermando che ritiene Amanda Knox e Raffaele Sollecito gli assassini di Meredith Kercher, la studentessa inglese uccisa nella notte del primo novembre del 2007 a Perugia. La Knox, condannata in primo grado a 26 anni di carcere, si è detta "scioccata e angosciata" per la testimonianza. Con una dichiarazione spontanea pochi secondi dopo che Guedè ha lasciato l'aula di tribunale, la Knox si è alzata e ha detto: "Sa che non c'eravamo", aggiungendo di non sapere cosa sia successo la notte dell'omicidio. Guedè nega ogni responsabilità nell'accaduto, pur ammettendo di essersi trovato sulla scena del delitto. È stato condannato a 16 anni di prigione dopo essere stato processato con il rito abbreviato, scelta che riduce automaticamente la pena.

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.