Lele Mora resta in carcere: è dimagrito 18 chili

Lele Mora resta in carcere: è dimagrito 18 chili

Lele Mora (Foto Lapresse)

MILANO – “Una pessima pagina della giustizia italiana”. Così Luca Giuliante, avvocato di Dario Mora detto Lele, ha commentato la decisione del Tribunale di Milano del Riesame di respingere l’istanza di scarcerazione del suo cliente, detenuto dal 20 giugno scorso – accanto alla cella dove è recluso Olindo per la strage di Erba – con l’accusa di bancarotta fraudolenta in relazione al fallimento della sua società LM Management.

Da allora non ha mai rilasciato dichiarazioni ai giornali. Il suo legale però racconta che in poco più di due mesi è dimagrito 18 chili per inappetenza. Gran parte del budget che ha a disposizione (a ogni detenuto è concessa la somma di 120 euro settimanali) va in francobolli. Mora infatti ha ricevuto migliaia di lettere, in gran parte da sostenitori, e cerca di rispondere a tutti. Ha scritto anche a Vanity Fair che in agosto gli aveva spedito una richiesta per avere un racconto delle sue giornate in cella: “Sono molto triste ma chi sbaglia di sua testa paga di sua tasca”. Infine: “Con l’aiuto della fede in nostro Signore, la forza che mi danno i miei figli e la mia famiglia, sopporto e tengo duro”.

 

Potrebbero interessarti anche...