L'agriturismo una valida alternativa alla montagna per il ponte dell'8

L'agriturismo una valida alternativa alla montagna per il ponte dell'8

Roma – La mancanza di neve in montagna cambia le destinazioni per il ponte dell'Immacolata durante il quale saranno almeno 150mila gli italiani che sceglieranno l'agriturismo. E' quanto stima la Coldiretti sui dati raccolti da Terranostra, l'associazione agrituristica della Coldiretti che accredita e promuove gli agriturismi presenti sul territorio nazionale. Sono molti gli italiani – sottolinea la Coldiretti – a cogliere l'occasione per trascorrere un lungo ponte di vacanza grazie alla felice collocazione della festività, che lo scorso era invece posizionata di mercoledì proprio nel mezzo della settimana.

L'assenza di neve penalizza la montagna e le località vicine agli impianti sciistici mentre buone sono le richieste per le sistemazioni prossime alle città d'arte, ai centri di interesse storico e culturale e agli impianti termali. Il Ponte dell'Immacolata è – precisa la Coldiretti – un vero e proprio banco di prova prima delle imminenti festività natalizie, che vedrà gli operatori impegnati ad offrire agli attenti consumatori servizi e ristorazione di qualità, pur mantenendo i prezzi sostanzialmente stabili, infatti la maggior parte delle aziende li ha mantenuti invariati rispetto allo scorso anno. Si registra un aumento della domanda last minute per la quale di grande aiuto per la ricerca delle località sono siti come www.campagnamica.it e le guide come "Agriturismo" di Terranostra, le esperienze personali e il passaparola.

Potrebbero interessarti anche...