Categorie
bellezza

Neurocosmesi: curare la pelle con il sistema nervoso

ROMA – Una pelle bella con la scienza. E non si tratta di operazioni chirurgiche o simili. L’ultima ricetta della bellezza viene dalla neurocosmesi. I primi studi risalgono a metà degli anni 200, ben poco tempo fa, ma promettono molto bene.

La nuova scienza della bellezza prende in considerazione le terminazioni nervose sulla pelle, sensibili ai cambiamenti di temperatura, al dolore, al prurito, e tutte le altre stimolazioni. Non sono nuovi i cosmetici che contengono sostanze capaci di stimolare questi recettori.

La neurocosmesi supera le scoperte fatte finora, va oltre la capacità di scatenare una reazione dei neurorecettori e punta invece a stimolarli per condizionarli.

Tra gli ingredienti che realizzano questo processo c’è l’Euphoryl Omega 3, di derivazione vegetale, capace di stimolare la produzione di dopamina. Attraverso questo neurotrasmettitore  il nostro organismo prova le varie sensazioni più o meno piacevoli. Il principio attivo dell’Euphoryl svolge azioni cosmetiche come la stimolazione della microcircolazione cutanea e il miglioramento della luminosità della pelle.

Tra le altre sostanze che stimolano le terminazioni nervose del viso c’è l’Acido gamma-amminobutirrico (Gaba), un neurotrasmettitore del sistema nervoso centrale responsabile del tono muscolare, e per questo usato nei cosmetici contro l’invecchiamento cutaneo.

Stessa applicazione è quella dell’idebenone, un derivato del coenzima Q10, con notevoli proprietà antiossidanti.

Tutte queste sostanze in medicina sono chiamate smart drugs (droghe intelligenti), perché in grado di migliorare le capacità cognitive dell’uomo aumentando il rilascio di enzimi, ormoni e neurotrasmettitori che apportano più ossigeno al cervello.

Ma anche ingredienti naturali più comuni come la lavanda svolgono azioni interessanti dal punto di vista neurocosmetico. L’olio essenziale di lavanda è ricco di linaiolo e di altre sostanze con attività sedativa e antisettica, migliorando la cute e distendendo le rughe.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.