Categorie
bellezza

Problemi di circolazione: come combatterli naturalmente

ROMA – Tra sedentarietà, fumo e cattive abitudini alimentari, nei Paesi occidentali circa una persona su due soffre di cattiva circolazione. L’insufficienza venosa è la conseguenza di un calo di tono nelle vene e di una degradazione delle loro pareti interne.

E se durante l’estate è normale che le gambe, con il caldo, si gonfino un po’, se il sintomo persiste può indicare problemi più seri. Tra i rimedi per gli stadi meno gravi ce ne sono diversi naturali.

Se a livello di attività fisica la bicicletta è un ottimo aiuto, come anche tenere le gambe in alto dopo una giornata trascorsa in piedi o seduti (ma attenzione che le gambe siano tese, senza le ginocchia piegate, altrimenti rischiate di ottenere l’effetto opposto), ci sono anche alcuni alimenti ed estratti di piante che possono favorire la circolazione sanguigna.

Innanzitutto il mirtillo, toccasana per la circolazione di tutto il corpo, fino agli occhi. Aiutano anche gli acidi grassi polinsaturi, i famosi Omega 3, contenuti, tra l’altro, nel salmone. Fondamentale bere molta acqua, almeno due litri al giorno.

In erboristeria si può trovare un alleato nella Centella assunta sotto forma di estratto secco. E’ indicata per prevenire e trattare l’insufficienza venosa cronica, ma è anche molto utile per alleviare i sintomi della patologia, come senso di peso agli arti inferiori, gonfiore alle caviglie, crampi notturni, prurito e formicolii agli arti inferiori, con presenza di capillari e venule.

Aiuta anche contro la cellulite, particolarmente frequente proprio nelle donne che soffrono di insufficienza venosa, perché i capillari venosi non riescono più a eliminare le sostanze di scarto e i liquidi in eccesso, che ristagnano quindi nei tessuti provocando una reazione infiammatoria cronica alla quale segue rapidamente la formazione della cellulite.

Le cure però non servono a molto se non si adotta uno stile di vita sano: innanzitutto vietato fumare. Poi è bene camminare almeno mezz’ora al giorno a passo sostenuto ed evitare indumenti che stringono e fibre sintetiche che non fanno respirare la pelle.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.